Giugno 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ex presidente francese Nicolas Sarkozy è stato condannato a tre anni di reclusione, di cui un anno fisso: presenta ricorso in cassazione.

L’ex presidente francese Nicolas Sarkozy è stato condannato a tre anni di reclusione, di cui un anno fisso: presenta ricorso in cassazione.

L’ex capo di Stato francese Nicolas Sarkozy è stato condannato mercoledì in appello a Parigi a tre anni di carcere, di cui un anno da eseguire con braccialetto elettronico per corruzione e traffico d’influenza nel caso delle intercettazioni telefoniche, una condanna senza precedenti per un ex presidente .

Il suo storico avvocato Thierry Herzog e l’ex giudice capo Gilbert Azibert sono stati giudicati colpevoli di aver stipulato con lui un “accordo di corruzione” nel 2014 e hanno ricevuto le stesse condanne. La Corte d’appello ha anche dichiarato un’interdizione di tre anni dai diritti civili di Nicolas Sarkozy, rendendolo ineleggibile, nonché un’interdizione di tre anni dalla professione di Lee Herzog.

Di conseguenza, la Corte d’appello di Parigi ha confermato la sentenza emessa in primo grado, il 1° marzo 2021, nei confronti dell’ex presidente della Repubblica, 68 anni, che ha sentito la decisione di far sedere gli imputati, e ha stretto la mascella.

Ricorso in Cassazione

Ana Jacqueline Laffon, avvocato di Nicolas Sarkozy, ha annunciato che il suo assistito ha presentato ricorso in cassazione. “Volevo dire che la giustizia a volte è una strada molto lunga e difficile, che siamo ancora all’inizio della strada e che questa strada continuerà.“,” indicare.Come avrete capito, presenteremo ricorso in cassazione contro questa decisione, che è un ricorso pendente contro tutte le azioni che sono state emesse oggi.

Il 13 dicembre la Procura della Repubblica ha chiesto la sospensione condizionale della pena di tre anni di reclusione per i tre imputati, che hanno sempre negato ogni corruzione. L’ex uomo forte di destra contestato “con la massima forza” durante il processo d’appello sulle accuse, affermando in aula di non aver “mai corrotto nessuno”.

READ  Guerra in Ucraina: l'esplosione del ponte in Crimea ha schiaffeggiato Putin

decisione attesa

Questa decisione era attesa quando Nicolas Sarkozy verrà ritentato in appello in autunno nel caso “Pigmalione” ed è sotto la minaccia di un clamoroso terzo processo: giovedì il Fronte nazionale palestinese ha chiesto la sua aggiudicazione delle correzioni nel caso di sospetto finanziamento libico. Dalla sua campagna presidenziale del 2007.

Questo fascicolo giudiziario, che comprende anche tre ex ministri dell’ex presidente, è indirettamente all’origine del caso intercettazioni.

Alla fine del 2013, i giudici istruttori incaricati di indagare sui sospetti di corruzione libica hanno deciso di “collegare” le linee di Nicolas Sarkozy. Poi scoprono una terza serie non ufficiale.

È stato acquistato l’11 gennaio 2014 con l’identità di “Paul Bismuth”, un mio conoscente del liceo, Lee Herzog, ed è destinato agli scambi tra l’ex presidente, il suo avvocato e un vecchio amico.

Le loro conversazioni telefoniche a volte roboanti, trasmesse per la prima volta durante il secondo processo lo scorso dicembre, sono al centro del caso.

Per l’accusa, le intercettazioni rivelano un accordo di corruzione stipulato con Gilbert Azibert, consigliere generale della Corte di Cassazione, la massima corte dell’ordinamento giudiziario francese. Quest’ultimo è accusato di aver lavorato dietro le quinte per influenzare l’appello di Nicolas Sarkozy nel caso Bettencourt in cambio di un “pagamento” per un posto onorario a Monaco.

Diverse linee di difesa

Fin dall’inizio, gli avvocati degli imputati hanno affermato che queste intercettazioni erano illegali, poiché ritenevano che minassero la riservatezza degli scambi avvocato-cliente. Le critiche sono state finora respinte dai giudici.

READ  Migliaia di israeliani chiedono le dimissioni di Netanyahu

Altro grande focus della difesa: un’inchiesta parallela aperta nel 2014 dalla Procura nazionale della Finanza. All’epoca, gli investigatori sospettavano che Nicolas Sarkozy e Thierry Herzog fossero stati informati che la linea “bismuto” era stata ascoltata.

Per trovare la “spia”, la procura finanziaria ha esaminato per alcune ore le fatture dettagliate (“vadette”) di diversi avvocati. L’istruttoria è stata definitivamente archiviata alla fine del 2019 e rinviata alla difesa nel 2020. Questo caso, noto come le “disgrazie”, ha portato gli apostati a rivolgersi alla Corte di Giustizia della Repubblica (CJR) nell’attuale Custode Seals, Eric Dupond Moretti, per l’avvio di indagini amministrative Nel mirino tre magistrati di finanza finiti nei guai mentre faceva l’avvocato.

Il ministro ha impugnato tale sentenza in Cassazione.