Luglio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le autorità fiscali non consentono più ai contribuenti e alle imprese di respirare

Le autorità fiscali non consentono più ai contribuenti e alle imprese di respirare

Molti processi che prima erano completamente legali sono ora in discussione. Piuttosto, il presupposto generale dell’abuso fiscale sembra inquinare molte transazioni effettuate dai contribuenti. Costituire una società di gestione, cedere un debito, vendere titoli ad una società immobiliare, effettuare un conferimento di capitale ad una società, liquidare una società o semplicemente detrarre quante più commissioni possibili diventano atti riprovevoli e spregevoli.

Il fisco chiede a Randstad oltre 70 milioni di euro

Non confondere l’evasione fiscale con la frode fiscale

Naturalmente, il lavoro preparatorio per le leggi che introducono nuove misure antiabuso o una nuova clausola restrittiva occasionalmente (ma quasi a malincuore) ci ricorda che il principio della certezza del diritto e della libertà di scelta della legge non possono essere compromessi. Ma questa prima conferma non è altro che un pretesto, un passo obbligato per sferrare meglio il colpo mortale a tanti contribuenti che hanno compiuto l’operazione o l’atto giuridico che ora sono sanzionati o soggetti a una nuova imposta, grazie alla pianificazione appena effettuata creato.

È anche chiaro che i tempi stanno cambiando e che è emersa una nuova visione di “buona governance fiscale”. La libertà di amministrare le imposte per le imprese e i privati ​​diventa sempre più una libertà vigilata. Col passare del tempo, emerge l’idea che se fossimo costretti ad accettare ogni sorta di strutture e accordi aggressivi, ciò porterebbe al collasso dell’uguaglianza prima delle tasse.

In materia fiscale l’irresistibile richiamo alla libertà si chiama evasione fiscale. Tuttavia, questa parola non può essere confusa con la frode fiscale. Ma è vero che non è mai facile tracciare il confine tra legale e illegale. Perché tra il legale e l’illegale non c’è discontinuità ma piuttosto continuità. La distinzione tra forme di evasione fiscale “legittime” e “illegittime” può quindi essere tracciata solo caso per caso.

READ  Perché Facebook e Instagram sono inaccessibili quest'estate

Processi puramente artificiali

Se diventa più difficile sfuggire alle maglie della rete fiscale, se i controlli si intensificano al punto da influenzare tutto il lavoro svolto da un’azienda e se ogni anno emergono nuove dighe fiscali per colmare le lacune rimaste aperte, allora è il momento giusto . Non necessariamente pessimismo. Perché possiamo trarre un’osservazione generale e una regola di comportamento che deve essere osservata.

Innanzitutto una osservazione generale. Molte delle correzioni che vediamo sono processi di punizione o atti legali, o anche una serie di atti legali, che sono completamente privi di sostanza. Tali operazioni, che risultano meramente artificiose, costituiscono operazioni poste in essere con l’esclusivo scopo di evasione fiscale. L’artificialità deriva da alcune circostanze dell’operazione effettuata, come la volontà di ottenere un vantaggio fiscale immediato o, in casi estremi, un vantaggio fiscale o la necessità di cancellare o ridurre significativamente la base imponibile della società attraverso un’operazione “miracolosa”. . È normale che gli abusi vengano puniti. Come ci ricorda regolarmente il diritto dell’UE, un vantaggio fiscale non può essere ottenuto attraverso una struttura puramente artificiale. Pertanto, per accettare il processo è necessaria la sostanza economica.

L’instabilità dei sistemi fiscali rafforza la disuguaglianza

“La legge della gestione del buon padre in famiglia”

Tuttavia, l’approccio volto a ridurre il carico fiscale è ancora abbastanza valido. Si tratta piuttosto di un approccio che rientra nel “lavoro di gestione del buon padre in famiglia”. Se la frode fiscale va combattuta, non è una pratica diffusa, contrariamente a quanto sostengono alcuni politici eletti completamente scollegati dalla realtà e dal mondo degli affari. Al contrario, la stragrande maggioranza delle imprese e dei contribuenti rispetta solo le regole del gioco fiscale, e è stanca di questa retorica incessante che di fatto confonde i concetti di frode fiscale, evasione fiscale, ottimizzazione fiscale o anche semplice applicazione. Legislazione. I contribuenti non dovrebbero essere costantemente costretti a giustificare o ammettere che un processo che si traduce in un risparmio fiscale perfettamente legale non soddisfa la loro amministrazione fiscale. Non si può presumere che tutte le soluzioni fiscali implementate dalle aziende e dai loro consulenti siano sgradevoli manovre di evasione fiscale.

READ  Quanto risparmia in media un belga ogni mese?

Lasciamo respirare gli individui e le comunità. Non dobbiamo cadere nella trappola dell’estremismo finanziario. Ricordiamo queste gentili parole di Maurice Couzian, ex professore di diritto tributario all’Università di Digione: “Il desiderio di pagare quante più tasse possibile può, per alcuni, essere santità o eroismo; noi potremmo essere più inclini a considerarlo un disturbo dell’anima: e questo può essere curato.”.