Luglio 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’arrivo di un nuovo operatore di telecomunicazioni nei prossimi mesi: “Cambierà il mercato belga”

Il Segretario Federale alle Comunicazioni è stato ospite alle 7:50 al microfono di Fabrice Grosvilli. Petra de Sutter ha annunciato l’arrivo di un nuovo operatore di telecomunicazioni rumeno nei prossimi mesi. DIGI offrirà prezzi inferiori del 20%, il che potrebbe “rompere i prezzi” e “comprimere” il mercato belga.

L’asta delle frequenze per i prossimi 20 anni è chiusa. I tre operatori che già conosciamo – Proximus, Orange e Télénet – hanno riconquistato quote di mercato. Ma il Segretario Federale alle Comunicazioni ha voluto allargarsi a nuovi operatori.

Pietra de Sutter è stata ospite alle 7:50 al microfono di Fabrice Grosvelli. Così il ministro Gruen del governo federale ha annunciato l’arrivo non di uno ma di due nuovi operatori sul mercato belga nei prossimi mesi. Uno si concentrerà maggiormente sul business e l’altro sul mercato consumer. “Se tutto andrà normalmente, sarà in grado di svilupparsi nei prossimi mesi”.Ha detto in onda a Bell RTL.

Questo nuovo operatore – denominato DIGI – è rumeno e ha già iniziato a stabilirsi in Spagna, Portogallo e Italia. Potrebbe arrivare in Belgio “prezzi bassi” Da qui il movimento del mercato belga. “Per i consumatori questo è importante. Se c’è un nuovo concorrente, i prezzi scenderanno. Le previsioni parlano del 20%, che comunque non è male”come dici.

Siamo uno dei paesi in Europa in cui i prezzi di accesso a Internet e al telefono sono molto alti. “Penso che ci sarà una pressione sul mercato per offrire più tassi di interesse di quelli che sappiamo oggi. Vedremo cosa accadrà, ma cambierà il mercato nei prossimi anni”.Rassicura Petra de Sutter.

READ  ils vont recevoir un bonus de près de 4.000 euro netti!

Infatti, DIGI è già in Belgio da quando l’operatore ha partecipato all’asta. “Si sta stabilizzando. E’ ancora presto per fare abbonamenti perché non ha le infrastrutture, ma entro fine anno conosceremo i loro piani”Segue il Ministro federale delle comunicazioni.

DIGI ha l’obbligo legale di coprire l’intera area, ma beneficerebbe di un periodo di tempo leggermente più lungo per il regolamento. Questo è così che ci siano meno aree bianche possibile. Parliamo del 2% delle zone bianche per la quarta generazione e dello 0,2% per la quinta. “Prenderà del tempo”ammette, ma alla fine saranno tutti coperti.