Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La società italiana e la lingua francese

La società italiana e la lingua francese

L’inizio della nostra discussione sulla lingua francese viene spesso attribuito alla fine degli anni ’60, soprattutto a Montreal, quando gli immigrati italiani si rifiutarono di mandare i propri figli nelle scuole francofone, dove la lingua francese era vulnerabile. Le rivolte di St-Leonard del 1969 furono alimentate da questo sentimento.


La strategia di puntare il dito contro gli immigrati per le sfide linguistiche in Quebec, una pratica che continua, ha le sue origini nella comunità di immigrati italiani. Questa versione dei fatti che critica gli immigrati italiani ignora il trattamento riservato allora agli italiani dal sistema educativo cattolico francofono del Quebec, evitando così una dimensione importante di questo dibattito.

Foto di Michael Gravel, Archivi Law Press

Scontri a Saint-Léonard il 10 settembre 1969, dove francofoni e italo-montrealesi si scontrarono sulla lingua di insegnamento.

Dalla Conquista alla Confederazione, l'istruzione in Quebec era assicurata dalle “scuole di consenso”, come le conosciamo oggi: si trattava di scuole cattoliche francofone, scuole cattoliche anglofone e scuole protestanti anglofone. ioLegge britannica sull'America del Nord del 1867 La Costituzione garantisce la protezione delle scuole cattoliche e protestanti del Quebec. L'importanza della religione nella società dell'epoca e il suo significativo impatto sul sistema educativo non possono essere sottovalutati. La fede religiosa è diventata un criterio di selezione per l'iscrizione dei bambini nelle scuole del Quebec.

Dopo la seconda guerra mondiale, questo sistema educativo ha dovuto affrontare un’ondata di immigrazione senza precedenti. Gli italiani costituivano un gruppo significativo di nuovi arrivati. Per lo più cattolici, avevano teoricamente il diritto di iscrivere i propri figli nelle scuole cattoliche francofone.

Tuttavia, un fatto inquietante omesso nei programmi di storia del Quebec e assente dalle discussioni mediatiche riguarda il percorso delle famiglie italiane, compresa chi scrive queste righe, nel sistema educativo dell’epoca.

Quando queste famiglie cercarono di iscrivere i loro figli nelle scuole cattoliche di lingua francese, dovettero affrontare un netto rifiuto e furono inviate alle scuole cattoliche di lingua inglese.

È difficile evitare di parlare di discriminazione quando si tratta del rifiuto formale di ammettere studenti di origine italiana nelle scuole cattoliche francesi. Sebbene cattolici, gli italiani erano visti in modo diverso. I loro nomi, strani e considerati difficili da pronunciare, contrastavano con quelli degli stessi antenati degli studenti francofoni che risalivano all'epoca della Nuova Francia.

Le scuole cattoliche francofone, desiderose di preservare questo status quo, si dedicarono all’educazione dei discendenti della società coloniale francese, che all’epoca aveva il tasso di natalità più alto del mondo occidentale. Il Quebec francofono all'epoca non sentiva il bisogno della spinta demografica fornita dagli studenti di origine italiana.

Respinto e successivamente accusato

Come può sorprenderci il fatto che negli anni ’70 gli immigrati italiani iscrissero i loro figli nelle scuole cattoliche inglesi?

Gli studenti di origine italiana furono rifiutati dal sistema educativo cattolico francofono negli anni '50 e '60 e negli anni '70 furono accusati di danneggiare la lingua francese non frequentando le scuole francofone. Il tasso di natalità francofono è stato particolarmente colpito dal declino dell'influenza della Chiesa cattolica e dalla rivoluzione sessuale.

La comunità italiana, prevalentemente trilingue, si integrò efficacemente nella società del Quebec e contribuì alla sua prosperità.

L'esperienza poco accogliente del sistema educativo cattolico francese del Quebec è stata superata, ma non dimenticata.

A mio avviso, il governo del Quebec dovrebbe chiedere scusa alle famiglie della comunità italiana a cui è stato impedito sistematicamente di frequentare le scuole cattoliche di lingua francese negli anni del secondo dopoguerra.

Il tempo non può cancellare fatti storici o annullare le ingiustizie.


Cosa ne pensi? Partecipa alla conversazione

READ  La musica del secento e altre specialità dimenticate della musica italiana