Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La proliferazione di modelli elettrici non è una buona notizia per i produttori

La proliferazione di modelli elettrici non è una buona notizia per i produttori

Presto saranno sul mercato 200 modelli elettrici // Anteprima della Hyundai IONIQ 5 // Fotografia: Hyundai / Unsplash

Il mercato automobilistico è sull’orlo di una vera rivoluzione. Tutti i produttori promettono di lanciare nuove auto elettriche al 100% entro il 2030. Entro tre anni, l’offerta totale potrebbe raggiungere i 200 modelli, solo elettrici.

200 modelli elettrici entro il 2026

I produttori di automobili si stanno adattando alle nuove aspettative dei consumatori. Nel 2023 le tendenze sono due: sempre più marchi sono interessati ai modelli elettrici e si rivolgono al mercato delle auto di lusso. La crescente domanda di auto elettriche sta esercitando una pressione crescente sulle case automobilistiche. Secondo l’azienda Standard & Poor’s GlobaleEntro il 2026″ Ci sono forse più di 200 modelli elettrici in vendita sul mercato ».

Leggi anche
Toyota sta finalmente rivedendo la sua strategia completamente elettrica

Si prevede che i modelli elettrici sostituiranno le auto termiche nel 2029. Prima di allora, le case automobilistiche dovranno raddoppiare gli sforzi per promuovere e vendere i loro modelli elettrici. La concorrenza diventerà sempre più agguerrita. Con offerte sempre più ampie, gli analisti prevedono che il numero di vendite per marchio diminuirà nei prossimi anni. È atletica. Se le vendite medie annuali (tutti i motori messi insieme) per marca nel 2018 fossero di 49.000 unità, dovrebbero salire a 36.000 unità nel 2027.

Meno affinità con il marchio

Un altro sviluppo negli usi: i consumatori stanno diventando meno attaccati a un particolare marchio. Infatti, il 53% degli acquirenti si considera “ Beduini “. Ciò significa che non hanno un’affinità speciale per un produttore piuttosto che per un altro. Tra questi nomadi, il 60% afferma di voler cambiare marca al prossimo acquisto. La situazione è cambiata per i produttori di automobili e oggi si trovano in una situazione delicata posizione a causa di questa mancanza di lealtà.

READ  Quando l'inaccettabile diventa accettabile: in che modo la multinazionale mineraria di Rio Tinto legittima le sue attività minerarie?

Leggi anche
Il piede di Stellantis a terra sotto l’elettricità

I più fedeli sono i clienti Tesla con il 68%, rispetto alla media del 51% del resto del settore. Per uscire da questa situazione, i produttori dovranno puntare in modo molto preciso e forse ottenere più dati sulle loro prospettive. Con l’aumento dell’offerta di modelli elettrici, i budget per ciascun marchio dovrebbero essere ridotti. Sarà quindi necessario che i produttori analizzino attentamente i dati a loro disposizione per convincere meglio i futuri acquirenti con le giuste argomentazioni.