Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La nuova distribuzione Linux “blendOS” combina Arch Linux, Fedora Linux e Ubuntu, è costruita attorno a Distrobox e utilizza l’ambiente desktop GNOME

E se potessi avere tutte le distribuzioni Linux nella stessa installazione? Rudra Saraswat, manutentore di Ubuntu Unity e dell’ambiente desktop Unity, introduce blendOS che descrive come “una miscela perfetta di tutte le distribuzioni Linux”. La descrizione dice che blendOS è basato su Arch Linux e GNOME su Wayland, ma ti consente di utilizzare app di altre distribuzioni popolari, come Fedora Linux o Ubuntu. L’immagine ISO è già disponibile per il download per consentire di testare la nuova distribuzione. L’obiettivo di blendOS è porre fine al “salto di distribuzione”.

Rudra Saraswat è tornato nelle notizie. Non contento di essere nel team Canonical ufficiale a causa del suo lavoro su Ubuntu Unity o GameBuntu, ha portato un desktop Arch Linux rinnovato, ha aperto interfacce su Ubuntu Web e UbuntuEd, e ora ha deciso di farci dimenticare di “saltare tra le distribuzioni”. Distro hopping è un termine che si riferisce all’attività o all’hobby degli utenti Linux di passare frequentemente da una distribuzione all’altra, esplorando e provando molte distribuzioni nel tentativo di trovare quella più adatta alle loro esigenze. Ci sono diverse ragioni per l’origine delle “distribuzioni saltanti”.

Per capire perché gli utenti Linux sono così coinvolti nel passare da una distribuzione all’altra, bisogna davvero esaminare i fattori chiave che distinguono le distribuzioni. Alcuni di questi fattori sono: ogni distribuzione è unica, il mondo di Linux ha opzioni, impara, esplora bene! Saraswat sta cercando di dare agli utenti Linux un motivo per attenersi a una singola distribuzione introducendo blendOS, un sistema operativo che descrive come immutabile e integra perfettamente tutte le tue distribuzioni. Secondo Saraswat, blendOS combina le distribuzioni Arch Linux, Fedora Linux e Ubuntu.

READ  Le cuffie per realtà mista di Apple si concentreranno su giochi, consumo di media e comunicazione

Questo è possibile perché puoi utilizzare i gestori di pacchetti nativi per Arch Linux (pacman – incluso per impostazione predefinita), Fedora Linux (dnf) e Ubuntu (apt), che sono inclusi come contenitori in Distrobox / Podman. Ma i gestori di pacchetti DNF e APT non sono inclusi nell’immagine ISO, né il gestore di pacchetti per blendOS. Tutto ciò che lo distingue dalle altre distribuzioni viene installato quando il sistema è installato sul tuo computer. L’immagine ISO è di base e include solo pochi pacchetti, poiché è progettata principalmente per consentire l’installazione della distribuzione sul bare metal.

Quando usi Fedora Linux o i gestori di pacchetti nativi di Ubuntu per la prima volta, i contenitori vengono creati automaticamente. Dopodiché puoi usare misceleE pacmanE dnf o adatto Nella stessa shell per installare o rimuovere i pacchetti, senza trucchi. Inoltre, blendOS fornisce anche un sistema immutabile per coloro che desiderano utilizzare un file system di sola lettura per una maggiore stabilità e affidabilità. Anche la distribuzione Linux segue il modello di rilascio progressivo, in quanto deriva da Arch Linux. Viene fornito con il desktop GNOME predefinito sull’immagine ISO live.

Tuttavia, blendOS ti consente di distribuire una nuova installazione con un altro ambiente desktop popolare, ad esempio Kiddy PlasmaE Collega o Xfceo anche gestori di finestre come Sway o i3. Oltre al fatto che puoi installare qualsiasi app da qualsiasi distribuzione Linux supportata, blendOS include anche il supporto pronto all’uso per le app Flatpak in modalità sandbox, che puoi facilmente installare direttamente dall’app Flathub Store, il sito Web dell’app che mette il Sito Web Flatpak sul desktop.

Inoltre viene fornito con la sua app di benvenuto, che sostanzialmente ti consente di conoscere le funzionalità di blendOS. Attualmente, blendOS supporta solo i repository principali di Arch Linux, AUR (Arch User Repository), i repository Fedora Rawhide e i repository Ubuntu 22.04 LTS o Ubuntu 22.10. Configurare il sistema per la prima volta sarà facile e intuitivo con l’applicazione First Setup inclusa. L’installazione sarà anche facile con la GUI Jade di Crystal Linux, ma sotto il nome programma di installazione blendOS. Come accennato in precedenza, blendOS viene fornito con la propria chiamata al gestore di pacchetti miscele.

READ  Il chip Nvidia H100 AI da $ 40.000 diventa l'hardware più ambito al mondo e avvicina Nvidia alla capitalizzazione di mercato di $ 1 trilione

Quest’ultimo sembra funzionare con diverse distribuzioni. Può essere utilizzato, ad esempio, per aggiornare il sistema eseguendo il comando Miscela di aggiornamento del sistema. Nel complesso, blendOS sembra una distro promettente. Ma ha un pubblico di destinazione specifico e sono fan delle distribuzioni. Quindi, se non puoi scegliere tra Arch Linux, Fedora Linux o Ubuntu, blendOS è sicuramente per te e puoi provarlo ora.

Fonte : blendOS

E tu?

Cosa ne pensi?
Cosa ne pensi della distribuzione blendOS Linux?
Secondo te, blendOS soddisfa una specifica esigenza?
Pensi che blendOS attirerà i fan del “distro hopping”?

Vedi oltre

Canonical ha annunciato la disponibilità generale del suo abbonamento Ubuntu Pro completo, rivolto agli utenti che desiderano espandere gli aggiornamenti di sicurezza e conformità dei propri sistemi.

Le nuove minacce malware su Linux sono aumentate del 50% nel 2022, a 1,9 milioni, mentre Windows ha registrato una diminuzione del 40% nei nuovi campioni.

Nel kernel Linux è stata scoperta una nuova vulnerabilità di elevazione dei privilegi che consente a un utente malintenzionato locale di eseguire malware su sistemi vulnerabili

È stata scoperta una vulnerabilità con punteggio CVSS di 10 nel kernel Linux, sono interessati solo i sistemi abilitati per ksmbd ed è stato rilasciato un aggiornamento per correggerla.