Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jorn Vancamp, autore del gol contro Arsenal e Barcellona con l’Anderlecht, torna al Louvier: ‘Ho pensato di andare a lavorare all’IKEA’

Jorn Vancamp, autore del gol contro Arsenal e Barcellona con l’Anderlecht, torna al Louvier: ‘Ho pensato di andare a lavorare all’IKEA’

Dopo aver segnato tre gol contro l’Arsenal e uno contro il Barcellona nella Youth League con l’Anderlecht, Jörn Vancamp (25) aveva tutto per diventare il prossimo giovane ad avere una grande carriera. Gli infortuni e le scelte sbagliate hanno deciso diversamente. Ma ha rilanciato la sua carriera. Ha segnato sette gol in Nationale 1 con La Louvière. Questo martedì l’Anderlecht dovrà guardarsi molto dal Louviero. Ecco la sua toccante testimonianza.

Vancamp dopo il gol contro il Barcellona in Youth League. Amuzu si è unito alla partita e Mangala è stato squalificato. © Immagini Notizie

“Ho detto no alle offerte della Premier League inglese”.

Torniamo al 4 novembre 2014. Dopo aver battuto in casa l’Arsenal in Youth League (4-3), l’Anderlecht U19 (con Svilar, Weiss, Dinaire e Bastian) ha battuto anche l’Arsenal. Il gol della vittoria è stato segnato da un ragazzino appena scoperto all’FC Malinois. Vancamp: “Avevo appena 16 anni. Ho beneficiato dell’infortunio di Leah Issika. All’Arsenal, il capitano si chiamava Iwobi”. Pace si ripete la stagione successiva, ma questa volta in casa: 2-0 con doppietta di Vancamp. Questa volta Lukabakio e Mangala erano nella sua squadra. “Ovviamente ero la rovina dell’Arsenal. No, non mi hanno fatto un’offerta. D’altronde ho ricevuto altre offerte dalla Premier League inglese. Ho rifiutato. Sono appena arrivato all’Anderlecht. Anche economicamente era interessante restare allo Sporting”. L’Anderlecht ha battuto anche il Barcellona (2-0). Ancora una volta Vancamp segna il gol.

VanCamp ha segnato 12 gol per le nazionali giovanili, incluso contro l’Inghilterra. © Agenzia France-Presse

“Faes e Vanzeir Devils in A, fa male.”

In Diablotins è stato convocato 46 volte e ha segnato 12 gol. “I miei ricordi più belli? Mondiali Under 17 in Cile. Ho segnato due gol e sono finito nella rosa del torneo in attacco con Oshimen. Poi c’è la sfida Under 19 contro l’Inghilterra con il portiere Ramsdale (oggi all’Arsenal), Chalobah (Chelsea) e Alexander-Arnold (Liverpool). “Alexander-Arnold era magro come una tavola e giocava come numero 6. Shaloba era il mio avversario diretto, ma ho comunque segnato l’unico gol della partita. La cosa che mi ha fatto più male è stato vedere Faiz e Vanzier selezionati in prima squadra, anche se io non ero peggio di loro. Non fraintendetemi: se lo meritano e sono buoni amici. I miei infortuni non spiegano tutto: Vanzier è stato due volte con i Crusaders. Ho solo 25 anni, quindi tutto è ancora possibile. Ma anche se mettessi 30 punti nella Nazionale 1 Tedesco non mi chiamerà più”.

VanCamp in duello con Lacroix de Saint-Etienne nel 2016. ©BELGA

“Posso rivendicare il titolo 2017 con la RSCA, ma…”

All’Anderlecht A, Vancamp alla fine ha giocato solo due partite, prima di trasferirsi al Roda GC. Sotto la guida di Rene Weiler, ha iniziato contro il Saint-Etienne (2-3) in Europa League. “Non ho giocato la mia migliore partita, sono stato condizionato dalle circostanze. Ma quando sono uscito era 2-0. (Ride) Poi sono tornati i big. Avevano già la partita contro il Bruges (0-0). nelle loro menti. Ho assistito alla rabbia svizzera nei confronti di Weiler dopo la partitaMa non stava prendendo di mira me. Poi ho giocato due minuti contro il Westerlo. Anche lì abbiamo perso (1-2). Quindi non ho avuto molta fortuna allo Sporting. Posso dire ad alta voce che ho vinto l’ultimo titolo con l’Anderlecht, ma i miei vantaggi erano molto scarsi.

READ  Gran finale di gara e vittoria lampo: Al Ittihad allarga ancora il gap | Jupiler Pro League

“Ho preso 10 chilogrammi in Finlandia”

Nel 2017 si è trasferito all’Al-Rawda, dove ha segnato 4 gol, in particolare contro l’Ajax. È stato poi ceduto in prestito all’FC Eindhoven, prima di tornare in Belgio al Beerschot. Su un raccordo sotto Losada, partì per Tampere, in Finlandia. “All’epoca era l’unico club che mi voleva. Fu un errore madornale, il professionismo era zero. In Belgio era P1. Mi lasciai andare. Non vivevo più per il mio sport. Mangiavo male, bevevo a casa, giocavo alla PlayStation fino alle 3 di notte. In pochi mesi ho preso dieci chilogrammi. La mia carriera sembrava finita. Pensavo di continuare gli studi e scorrevo gli annunci di lavoro sul cellulare. Ho pensato che forse avrei dovuto andare a lavorare all’IKEA “Mentalmente ero in un buco. Ho chiamato uno psichiatra e questo mi ha messo a mio agio. Dopodiché l’OHL mi ha offerto l’opportunità di rilanciare la mia carriera con l’Under 23. Per la primi sei mesi non venivo pagato. Accettai, ma era difficile. Dovevo pagare il prezzo della benzina, del cibo e dovevo pagare il mutuo per comprare la casa. Tornai a vivere con i miei genitori. Ma nella seconda metà della stagione ho giocato ancora e ho segnato 11 gol”.

Jorn Vancamp, ex super talento dell’Anderlecht, medaglia di bronzo alla Coppa del Mondo Under 17, è alla RAAL per passare alla D1B: “Lo spettacolo Vancamp non è ancora finito”

“Ho pianto nello spogliatoio durante la partita OHL-Gand”

Il 29 gennaio 2023 è un giorno che VanCamp non dimenticherà mai. “Abbiamo giocato contro la squadra U23 del Gent con la squadra U23 dell’OHL. Ho segnato un gol nel primo tempo. Nello spogliatoio, un allenatore della città di Gent – non dirò il suo nome, ma sa chi intendo – ha detto al suo difensore centrale, che era accanto a me: “Il tuo avversario non è un calciatore. Pesava 120 chilogrammi. Sono andato negli spogliatoi e sono crollato. Ho pianto. Certo ero molto grasso, ma lui no” “So fino a che punto ero arrivato a rialzarmi. Mentalmente mi ha spezzato. Ma mi ha anche motivato. Ho segnato due gol “e altri nel secondo tempo. Sono corso da lui e l’ho guardato dritto negli occhi. Spero dirà la stessa cosa quando affronteremo l’Under 23 del Ghent contro La Louviere. Questo mi permetterà di segnare un’altra tripletta”.

READ  Un investitore americano arriva a Charleroi: questo il suo nome

“La mia ragazza era in vetta sui 1.500 metri.”

Anche a livello personale VanCamp ha affrontato la realtà. “Molti amici che mi erano vicini quando giocavo all’Anderlecht e al Beerschot mi hanno deluso. Ora ho solo una piccola cerchia di amici. E la mia famiglia è più importante. Vedo spesso mia madre piangere. Lei sa che ho talento e l’ho sprecato. Anche la mia compagna Nanook Stevens ha avuto un ruolo decisivo. È stata campionessa belga di atletica leggera sette o otto volte. La sua distanza preferita sono i 1.500 metri. Da quando è stata infettata dal Corona ha avuto un piccolo problema cardiaco che non le permette più di entrare in rossa come prima. Corre ancora i 1.500 metri in 4 minuti e 30″ o 35, ma non è più al meglio. Durante la preparazione ci alleniamo insieme. L’ho battuta in gara. Ma per il resto devo lasciarla dopo 200 metri. Quindi ci riscaldiamo e ci raffreddiamo insieme. (ride)”

Vancamp ha ricevuto due ammonizioni contro l’Anderlecht, in coppa con il Beerschot nel 2019. ©(c) Peter De Voecht / PhotoNews

“Se segnerò non festeggerò troppo”.

Se VanCamp è a La Louviere è grazie a Frutos. “In realtà è stato lui a portarmi nel cuore dell’Anderlecht in quel momento. Siamo rimasti in contatto. Mi sento come un pesce nell’acqua, qui a La Louviere. Sto seguendo una nuova dieta, fornitami da Frutos e dal club, per continuare a perdere peso. Non vedo l’ora di giocare contro l’Anderlecht, il club che mi ha allenato. Spero di non essere nuovamente escluso come è successo durante la partita di coppa Con il Beerschot contro l’Anderlecht, quando alla fine abbiamo perso 2-3 ai supplementari. Sarei felice di rivedere Amuzu, con cui ho giocato. È un sogno affrontare un difensore esperto come Vertonghen. Se segno un gol, non esulto troppo. “Ho grande rispetto per la società che mi ha allenato”.

READ  Formula 1 | Rosberg: l'Alpine F1 ha fatto davvero un pessimo lavoro sulla vicenda Piastri