Aprile 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Invecchiamento biologico: un esame del sangue per determinarne la velocità

Invecchiamento biologico: un esame del sangue per determinarne la velocità

L'autrice principale, la dottoressa Aditi Gurkar, professoressa di geriatria alla Pitt School of Medicine, e il suo team identificano percorsi molecolari e composti che possono influenzare l'età biologica. Questo lavoro fa così luce sui motivi per cui le persone invecchiano in modo diverso e più o meno veloce. Infine, queste scoperte identificano nuovi obiettivi per interventi volti a rallentare l’invecchiamento e promuovere una vita sana.

“L’età è più di un semplice numero.”

Due persone di 65 anni possono condurre due vite molto diverse: uno continua a lavorare e fare attività fisica regolarmente, mentre l’altro non è più in grado di salire le scale. Queste due persone hanno la stessa età cronologica, ma la loro età biologica è completamente diversa. Perché ?

lo studio Confronta i dati di 196 partecipanti più anziani classificati come “sani” o “che invecchiano più velocemente”. Questa distribuzione era basata su test dell'andatura, con le caratteristiche dell'andatura che probabilmente costituivano un punteggio di fitness cardiovascolare, forza fisica e salute neurologica ma anche un buon predittore del ricovero ospedaliero. Disabilità, declino funzionale e morte nell'anziano. Quindi, in questo studio, i partecipanti sani avevano 75 anni o più e potevano fare le scale o camminare per 15 minuti senza riposo, mentre le persone “in rapido invecchiamento” avevano tra 65 e 75 anni, ma dovevano fare delle pause. . Pertanto, la metodologia dello studio era degna di nota, poiché i partecipanti che “invecchiavano più velocemente” erano cronologicamente più giovani rispetto ai partecipanti considerati “sani”.

L'analisi metabolomica dei metaboliti e delle molecole prodotti dalle vie chimiche nel corpo dei campioni di sangue prelevati da entrambi i gruppi di partecipanti e il modello di intelligenza artificiale (AI) rivela:

READ  Aumento del 7% delle tasse per l'assicurazione sanitaria integrativa

  • Evidenti differenze tra i due gruppi, a conferma che i metaboliti presenti nel sangue possono riflettere pienamente l'età biologica;
  • Sono stati identificati 25 metaboliti chiamati Indicatori del Metabolismo dell’Invecchiamento Sano (HAM: Healthy Aging Metabolism);
  • Il punteggio HAM sembra essere più efficace e accurato rispetto ad altre misure geriatriche comunemente utilizzate – tra cui l’indice di fragilità, la velocità di camminata e il test di valutazione cognitiva di Montreal – nel distinguere tra persone sane e anziane.
  • Un'analisi metabolomica eseguita su un gruppo separato di anziani ha previsto la capacità di camminare continuativamente per 10 minuti con una precisione del 68%.
  • Quindi questo punteggio HAM sembra essere in grado di prevedere, da un semplice campione di sangue, chi invecchierà in modo sano e chi invecchierà più rapidamente.

La ricerca continua per comprendere meglio come questi metaboliti e le vie molecolari che producono contribuiscono all’invecchiamento biologico e se questi processi possono essere rallentati.

“Sebbene sia fantastico poter prevedere l’invecchiamento biologico nelle persone anziane, ciò che è ancora più entusiasmante è un esame del sangue in grado di dire a un 35enne che è vicino all’età biologica di 45 anni. Quella persona può cambiare alcuni dei fattori legati allo stile di vita”. La vita, sia che si tratti di migliorare il sonno, la dieta o l'esercizio fisico, molto prima.