Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il tiratore di El Paso condannato a 90 ergastoli | mondo

Il tiratore di El Paso condannato a 90 ergastoli |  mondo

Venerdì un tribunale federale ha condannato a 90 ergastoli consecutivi un giovane suprematista bianco americano che ha ucciso 23 persone in un famoso supermercato ispanico di El Paso nel 2019.

Patrick Crusius, 24 anni, si è dichiarato colpevole a febbraio di 90 accuse contro di lui, tra cui “reati di razzismo che hanno portato alla morte”. Affronta anche una causa in Texas che non ha escluso la possibilità di chiedere la pena di morte.

All’inizio di agosto 2019, Patrick Crusius ha pubblicato su Internet un documento contenente tesi di supremazia bianca in cui denunciava “l’invasione spagnola del Texas” e lodava il massacro della moschea di Christchurch, in Nuova Zelanda (51 morti). Poi ha guidato per circa dieci ore dalla periferia di Dallas, dove viveva, a El Paso, una città prevalentemente ispanica, dove ha sparato con un fucile semiautomatico contro un ipermercato Walmart.

Quando è arrivata la polizia, è sceso dall’auto, mani alzate, affermando di essere l’assassino. Mentre era in custodia della polizia, ha ammesso di voler attaccare i “messicani”.

Il massacro ha provocato la morte di 23 persone, tra cui otto messicani e la maggioranza ispanici. Gli Stati Uniti sono rimasti profondamente scioccati e hanno aperto un dibattito sulla responsabilità della retorica anti-immigrazione del presidente repubblicano Donald Trump.

Il massacro di El Paso rimane uno degli omicidi più mortali nella storia degli Stati Uniti, eppure viene regolarmente mancato dalle sparatorie.

© Agenzia per la protezione dell’ambiente