Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il satellite Gaia rivela tracce della nostra Via Lattea – rts.ch

Il satellite Gaia rivela tracce della nostra Via Lattea – rts.ch

Più di 12 miliardi di anni fa, si formarono due flussi di stelle che insieme contribuirono a tessere insieme la nostra galassia. È stato Gaia, un telescopio spaziale dell'Agenzia spaziale europea, a fornire una migliore comprensione della preistoria della nostra galassia.

Come due fiumi che finiscono per diventare uno: uno si chiama Shiva e l'altro è Shakti. Nomi che si riferiscono a due divinità indù – una maschile e una femminile, coscienza ed energia – che non possono esistere l'una senza l'altra e si uniscono per creare l'universo.

Questi due flussi di stelle hanno contribuito a formare la nascente Via Lattea: entrambi sono così antichi che probabilmente si sono formati ancor prima delle parti più antiche dei bracci a spirale della nostra galassia. Sebbene molto simili, queste correnti non sono identiche: le stelle Shakti gravitano leggermente lontano dal centro della Via Lattea e seguono orbite più circolari rispetto alle stelle Shiva.

>> Anatomia della Via Lattea:

A sinistra è visibile la struttura a spirale del disco galattico, dove si trova la maggior parte delle stelle, intervallata da una diffusa miscela di gas e polvere cosmica. Il disco ha un diametro di circa 100.000 anni luce; Il Sole si trova circa a metà strada tra il suo centro e la sua circonferenza. A destra, la forma piatta del disco. Le osservazioni rivelano la presenza di una sottostruttura: un disco sottile alto circa 700 anni luce, incastonato in un disco spesso circa 3.000 anni luce e popolato da stelle più vecchie. È visibile il rigonfiamento galattico, situato nella parte centrale della Via Lattea, che ospita circa 10 miliardi di stelle, la maggior parte delle quali sono vecchie e rosse. Questo rigonfiamento ha una forma grossolana allungata che ricorda una barra a forma di arachide, metà della quale è lunga circa 10.000 anni luce, rendendo la Via Lattea una galassia a spirale barrata. Dietro di essa si trova la corona stellare, una struttura approssimativamente sferica con un raggio di circa 100.000 anni luce, contenente stelle isolate e numerosi ammassi globulari: ammassi grandi e compatti di alcune delle galassie più antiche. Su scala più ampia, la Via Lattea è circondata da un alone più ampio di materia oscura invisibile. [Right: ESA; layout: ESA/ATG medialab – Left: NASA/JPL-Caltech]

“La cosa davvero sorprendente è che possiamo rilevare queste antiche strutture”, afferma Khayati Malhan del Max Planck Institute for Astronomy (MPIA) di Heidelberg, in Germania, che ha guidato il gruppo di ricerca. ricerca. “La Via Lattea è cambiata così tanto dalla nascita di queste stelle che non ci aspettavamo di riconoscerle chiaramente come gruppo. Ma i dati senza precedenti che stiamo ottenendo da Gaia lo rendono possibile”, osserva nell'articolo. dichiarazione dell'Agenzia spaziale europea.

In effetti, è stato possibile determinare le orbite di diverse stelle, nonché il loro contenuto. Ogni flusso contiene la massa di circa dieci milioni di soli, con stelle di età compresa tra 12 e 13 miliardi di anni: tutte si muovono in orbite molto simili, con composizioni simili. Pertanto, “due nuove strutture si sono distinte dalle altre tra le stelle con una composizione chimica specifica”, aggiunge l'astrofisico.

READ  Kirsty Margot Brown, il grido agghiacciante dell'Antartide

>> Due antichi fiumi di stelle scoperti nella Via Lattea:

Sebbene i due flussi siano molto simili, non sono identici. Le stelle Shakti orbitano leggermente più lontano dal centro della Via Lattea e in orbite più circolari rispetto alle stelle Shiva. Questi due flussi prendono il nome dalla coppia divina della filosofia indù che si unì per creare l'universo (o macrocosmo). [The Astrophysical Journal – K. Malhan and H.-W. Rix]

Archeologia ungherese

La distribuzione delle stelle suggerisce che ogni fiume potrebbe essersi formato come parti separate che poi si sono fuse con la Via Lattea all'inizio della sua esistenza. Queste due correnti si stanno ora dirigendo verso il cuore della nostra galassia.

Il satellite Gaia (scatola di lettura) Ha esplorato questa regione nel 2022 svolgendo quella che l'Agenzia spaziale europea chiama “archeologia galattica”: ha rivelato che questa regione era piena delle stelle più antiche dell'intera Via Lattea, tutte nate prima che il suo disco collassasse e si fossero già cristallizzate . “Sono così vecchi che mancano molti degli elementi di metalli pesanti che furono creati più tardi nella vita dell'universo. Questi metalli pesanti sono quelli che si formano nelle stelle e si diffondono nello spazio quando muoiono. Le stelle al centro del nostro le galassie sono povere di metalli, ecco perché abbiamo chiamato Quest'area si chiama “”Povero vecchio cuore“Dalla Via Lattea”, osserva il coautore dello studio Hans-Walter Rex, anche lui dell’MPIA e il principale “archeologo galattico” che ha guidato lo studio del 2022.

“Finora abbiamo identificato solo i primi pezzi che si unirono per formare l'antico nucleo della Via Lattea. Con Shakti e Shiva, ora vediamo i primi pezzi che sembrano antichi, ma si trovano molto lontano. Essi segnano le prime fasi della la crescita della nostra galassia fino alle dimensioni attuali.”

Nato da molte coalescenze

Fiumi stellati che compongono la Via Lattea: ogni colore rappresenta le stelle che si sono unite alla nostra galassia dopo varie collisioni in un momento particolare della storia cosmica.

Se potessimo tornare indietro nel tempo, circa 12 miliardi di anni fa, riconosceremmo a malapena la Via Lattea, perché non aveva ancora il vortice bello e ordinato che osserviamo oggi.

Gli scienziati ritengono che la nostra galassia si sia formata dalla fusione di numerosi filamenti lunghi e irregolari di gas e polvere che hanno dato fuoco alle stelle; Si unirono per dare origine all'attuale Via Lattea.

Quindi, Shaki e Shiva sarebbero due di questi componenti e i dati futuri di Jaya potrebbero rivelare altri componenti.

Gli scopritori di questi due fiumi cosmici hanno anche tracciato una mappa dinamica di altri componenti conosciuti che hanno avuto un ruolo nella formazione della nostra galassia: i loro nomi includono Pontus, Sequoia, Nix, Thamnus e Cetus.

La storia della Via Lattea conterrà ancora molti capitoli.

Stefania Jacquet