Giugno 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il rapper MHD e altri otto sono sotto processo per omicidio durante una rissa

Il rapper MHD e altri otto sono sotto processo per omicidio durante una rissa

L’artista e altri quattro imputati dovranno comparire a piede libero, mentre altri tre resteranno in custodia cautelare, mentre quest’ultimo, ancora latitante, sarà processato in contumacia. Rischiano trent’anni di reclusione penale.

Nella notte tra il 5 e il 6 luglio 2018, Loic K., 23 anni, è morto dopo essere stato deliberatamente investito da una Mercedes nel 10° arrondissement di Parigi, poi picchiato da una dozzina di uomini e pugnalato con coltelli.

L’auto è stata ritrovata il giorno dopo, bruciata, in un parcheggio.

Gli investigatori hanno rapidamente esplorato il percorso di regolamento dei conti tra i giovani della città di Chaufournier, soprannominata la “Città Rossa”, e della città di Grange-au-Belle, situate a due passi l’una dall’altra, nel 10° e 19° arrondissement.

Gli scontri tra le due bande non sono una novità. Più di un anno fa, un giovane di Chaufournier era già morto in combattimento.

Poche ore prima della rissa che ha portato alla morte di Loic K., una decina di persone di La Grange aux Belles sono entrate nella casa di un ex residente del quartiere Chaufournier e lo hanno minacciato con dei bastoni, atto che ha suscitato desiderio di vendetta. Ritorsione della città rivale.

Diversi testimoni sottolineano il coinvolgimento del rapper MHD, il cui vero nome è Mohamed Sylla, che risiede a Chaufournier.

Pioniere dell’afro-trap, una fusione di hip-hop e musica africana, l’allora 23enne era in ascesa. Il suo primo album vendette più di 400.000 copie e fu notato all’estero da artisti come Madonna e Drake.

Gli investigatori hanno dimostrato che la Mercedes bruciata apparteneva a lui e testimoni oculari hanno affermato di averlo visto a bordo.

“Il tragico ciclo della violenza”

Inoltre, in molti video della scena, uno degli uomini, un afroamericano, ha i capelli biondi tinti e indossa una tuta Puma. Lo vediamo trascinare Loïc K. lontano dall’auto e dargli un calcio in testa prima di lasciare la scena.

READ  Emily vuole vendere un casco su Facebook, e un geniale truffatore cade nella sua trappola: "Si è preso parte dei miei risparmi"

A quel tempo, MHD aveva il perossido per capelli ed era un ambasciatore del marchio Puma.

Quest’ultimo ha negato i fatti nel corso delle indagini, sostenendo in particolare di prestare regolarmente la sua auto a chi lo circondava e che molte persone del quartiere portavano la sua stessa acconciatura.

L’AFP ha contattato i suoi avvocati e questi non hanno risposto.

Il caso, che ha costretto l’artista a trascorrere un anno e mezzo in custodia cautelare prima di essere rilasciato nell’estate del 2020 sotto controllo giudiziario, ha rallentato notevolmente la carriera dell’uomo che la stampa ha soprannominato “Il piccolo principe di una trappola africana”. “

Tuttavia, ha pubblicato un nuovo album nel 2021, Going Gold, e quest’estate ha anche pubblicato un nuovo singolo chiamato “The Jungle”.

Tra gli altri imputati, tre, compreso l’imputato in fuga, sono sospettati di aver accoltellato la vittima. Anche un altro verrà processato per l’incendio della Mercedes.

“Ci troviamo in un ciclo tragico e terribile di violenza di quartiere, dove non sappiamo più perché un quartiere è nemico di un altro, ma dove non abbiamo scelta e siamo obbligati a mostrare solidarietà agli altri”, mi analizza Guillaume Halbecq, un avvocato per quest’ultimo.

Secondo lui “per giudicare bene e capire bene, dobbiamo acquisire una prospettiva e tenere conto di queste dinamiche che si mettono in moto fin dalla più tenera età”.

Il processo durerà fino al 22 settembre.