Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Museo degli Stati Uniti restituisce alla Cecoslovacchia lo scudo italiano del XVI secolo saccheggiato dai nazisti

Patrimonio – Saccheggiata dalle truppe tedesche nel 1943, un’arma di tutto rispetto che rappresenta il capitolo delle guerre puniche ha terminato il suo corso nel continente americano.

Tante scale, scudi tra le rovine, foreste di lance e stendardi che vorticano nel trambusto di una grande guerra. In mezzo a questa folla di uomini e seni, un’aquila punta nella direzione di attaccare i soldati sovraccarichi. Il vivace movimento delle truppe dà a Cartagena la capacità di catturare ciò che è stato dipinto sullo scudo rituale di Tinsel nel 1535. Basato su un dipinto dell’artista italiano Girolamo da Traviso (1497-1544 d.C.) e Giulio Romano (1492 / 99-1546 d.C.), questo bellissimo oggetto del Cinquecento è dedicato a una delle seconde più grandi conquiste romane. La guerra punica è uno dei gioielli della collezione di armi e armature del Philadelphia Art Museum dal 1976. Saccheggiato dai nazisti nel 1943, apparteneva in realtà alla Repubblica Ceca, recentemente scoperto dall’American Museum. A quasi 80 anni dal furto, lo scudo troverà finalmente le mura della sua residenza originaria.

“Dopo otto decenni, lo scudo tornerà finalmente a casa nel posto che ha occupato per molti anni all’interno del castello di Konopiště”.Lo ha detto lunedì il ministro della cultura ceco Lubomir Jarolek in una dichiarazione bilaterale. Un oggetto d’arte di circa due piedi di diametro che occupava l’ex residenza della famiglia imperiale austriaca alla fine del XIX secolo – nessun vero uso difensivo.e Secolo. Fa parte di un più ampio arsenale di armi e armature installato presso il forte di Konopiště Arcivescovo Francesco Ferdinando, Lo scudo piatto, che ancora oggi delizia i turisti, è tra gli Holbert e vari hobby.

READ  La tubercolosi, come il gozzo, si trasmette attraverso la respirazione, dicono gli scienziati

Nazionalizzata dalla Cecoslovacchia indipendente nel 1919, questa preziosa e desiderabile collezione fu trasferita a Praga nel 1943 da Vermast, con l’idea di creare il nucleo di un futuro museo della guerra. Ma durante una spedizione effettuata nel 1946, lo scudo cerimoniale italiano non somigliava agli altri quattordici oggetti. È stato rubato? Nascosto? Distruggere? Tracce di questa “armatura punica” sono state effettivamente trovate in Austria.

Lo scudo, rubato dai militari tedeschi nel 1943, è stato formalmente identificato quest’anno nella collezione del Philadelphia Museum of Art. Museo d’arte di Filadelfia

Trasferito da museo a museo

“Siamo lieti di annunciare l’esito di questa indagine”.Timothy Roop, presidente del Philadelphia Museum of Art, ha accolto il pubblico dopo un’indagine congiunta sugli archivi dal 2016 dall’American Museum of Art e da un team di storici cechi. Tra gli altri oggetti trasferiti a Praga, lo scudo è stato selezionato da selezionati tesori cecoslovacchi per fornire alle future collezioni permanenti del Museo Fெrrer le opere più belle tratte dalle collezioni europee.

Ricercatori statunitensi e cechi hanno scoperto che lo scudo, che si diceva fosse a Vienna alla fine della seconda guerra mondiale, era, in circostanze irregolari, il denaro del collezionista e mecenate americano Carl Otto Gretschmer von Keenbush. Donato al Philadelphia Museum dopo la sua morte. Una fotografia dello scudo scattata a Fort Konopiště nel 1913, recentemente ritrovata in un archivio, fuga ogni residuo dubbio sull’origine dell’oggetto italiano conservato negli Stati Uniti. “La nostra fruttuosa collaborazione servirà da modello per la partnership internazionale per recuperare le opere d’arte piratate”., ha gentilmente commentato l’Ambasciatore della Repubblica Ceca negli Stati Uniti Hynek Kmoníček.

READ  Al centro del corsivo c'è George Clooney che aiuta le persone colpite dal maltempo

Nonostante la sua origine italiana e la sua antichità, la protezione dello scudo al centro dell’Europa centrale non fu frutto di un’opportunità preparata per un commissario austriaco; E non meno importante. Secondo gli osservatori del Philadelphia Museum of Art, il palcoscenico era pronto per la vittoria africana di Sibio nel IIIe Il secolo della nostra era può riecheggiare la campagna di successo condotta nel 1535 Carlo Quinto Contro i pirati barbareschi. Come il generale romano prima di lui, il marinaio mediterraneo sorrise bene all’imperatore del Sacro Romano Impero. E può essere oggetto di una presentazione ammirevole in un sostegno militante. Come i soldati romani e la marina italiana, i guerrieri disegnati da Girolamo da Treviso torneranno a casa con i loro scudi della vittoria.