Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il lato oscuro dell'intelligenza artificiale viene svelato da un ricercatore specializzato in cervello e sistema nervoso

Il lato oscuro dell'intelligenza artificiale viene svelato da un ricercatore specializzato in cervello e sistema nervoso

Di base
Sorveglianza automatizzata della popolazione, manipolazione dell'opinione e distruzione del lavoro, un ricercatore di Tolosa decodifica tutti i pericoli dell'intelligenza artificiale.

È il 16 gennaio 2024. La svolta decisiva della rivoluzione contadina in Occitania. Il giorno prima, il governatore, come aveva fatto regolarmente (18 volte nel 2023) l’anno precedente, aveva consentito ai droni di sorvolare la manifestazione in modo che “le forze di sicurezza potessero beneficiare di una visione grandangolare per identificare e prevenire rapidamente rischi di disturbo dell’ordine pubblico.”

Simon Thorpe, specialista di intelligenza artificiale ed ex inventore di un sistema di riconoscimento facciale su larga scala: “Per fortuna non siamo in Cina, e i nostri sistemi democratici hanno ancora alcune garanzie in termini di libertà… Dobbiamo capire che la tecnologia attuale è molto avanzato.” Che possiamo seguire 24 ore su 24 gli spostamenti di tutti i residenti. Basterà equipaggiare un drone con sei telecamere 4K trovate in commercio per riprendere una manifestazione senza angoli ciechi e con un'intelligenza artificiale per riconoscere tutti i manifestanti grazie ai loro “volti. I lineamenti di un essere umano con solo pochi pixel”.

Lo scienziato dell'Università di Oxford spiega come ciò sia potuto accadere: “Grazie alle nuove schede di memoria, le capacità di memoria sono aumentate notevolmente; possiamo facilmente conservare tutte le foto scattate con la fotocamera per almeno una settimana. Alta risoluzione. Tutti abbiamo passaporti .” Carte d'identità contenenti dati biometrici. Basterà far lavorare l'intelligenza artificiale su questo enorme database, confrontandolo con ore di registrazione video della dimostrazione. Tra pochi istanti daremo il nome di ogni persona presente per chiarimenti”.

READ  Conforto psicologico. Ipertensione: l'esercizio fisico può salvarti la vita!

Simon Thorpe prevede che le democrazie sappiano, per quanto possibile, come regolare l’uso dell’intelligenza artificiale per evitare di cadere in uno stato totalitario. D’altro canto è molto preoccupato per l’impatto del rapido sviluppo dell’intelligenza artificiale in termini di manipolazione delle masse. “Qualche tempo dopo il giorno del voto sulla Brexit, abbiamo scoperto che 10 miliardi di messaggi erano stati inviati a cittadini britannici che rischiavano di passare da un campo all'altro. Ci sono prove evidenti che ciò ha giocato un ruolo importante nel risultato finale”, ha spiega. Specialista in sistemi neurali computerizzati.

Indica anche i “gafam” (giganti della rete) che, dice, aiutano a incoraggiare gli abusi cospirativi attraverso i loro algoritmi. “Non penso che i leader di queste multinazionali abbiano il desiderio di diffondere idee folli o notizie false, ma man mano che otterranno il numero di clic, pubblicheranno contenuti che piaceranno a ogni utente di Internet e rafforzeranno le loro convinzioni o serviranno loro video o “testi” che li faranno arrabbiare molto. “Privato. Non c'è più spazio per la discussione e per un'informazione equilibrata. Questo è uno dei pericoli più gravi che la nostra democrazia si trova ad affrontare”.