Aprile 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il famoso chef francese perde la sua terza stella Michelin e le polemiche si infittiscono

Il famoso chef francese perde la sua terza stella Michelin e le polemiche si infittiscono

“Ho conosciuto solo momenti migliori nella mia carriera”

Non abbiamo più bisogno di presentare Guy Savoy, uno degli chef più famosi al mondo, forse anche il più famoso. Lo scorso novembre è stato insignito per il sesto anno consecutivo del titolo di miglior chef del mondo da La Liste ranking. Da lunedì 27 febbraio lo chef detiene tre stelle nella Guida Michelin. Un privilegio che ha ricevuto nel 2002. Ma con un tuono, la guida ha deciso di ritirare una delle preziose stelle per il suo ristorante situato a Monnaie de Paris. Un duro colpo per Guy Savoy che ai colleghi dell’AFP ha detto: “Fino ad ora conoscevo solo i momenti più belli della mia carriera. Stasera penso alle squadre e domani parlerò con loro. Quest’anno abbiamo perso la partita ma vincere di nuovo l’anno prossimo”.

Dopo questo annuncio improvviso, si sono levate voci per protestare contro questa decisione. Altri grandi nomi abbondano nella gastronomia francese, come Marc Ferrat. Lo chef dell’Alta Savoia è così feroce nei confronti della Guida Michelin che ha subito la stessa sorte di Guy Savoy nel 2019. “È assolutamente incredibile. È spazzatura. Guy Savoy, che è mio amico, è un bravo ragazzo, non merita Non è più una guida Michelin”. che devono fare storie, perché non vendono più le prove! Le prove oggi? Non c’è più nessuno!”, ha detto a Le Dauphiné Libéré.

L’ex giurato di Top Chef Michel Saran ha visto ritirarsi la sua seconda stella. “Sono deluso. Penso che questo sia il primo anno in cui la guida emette un comunicato stampa che annuncia la perdita di stelle. È puntare il dito contro coloro che stanno cadendo. Questo è difficile da accettare. Il ristorante è pieno a pranzo e cena, te lo chiedi costantemente. Tutto non si ferma, ma fa male. È il mio ego che ne è particolarmente colpito. La Michelin non è mai stata la mia linea di comportamento. Non lavoro per la Michelin ma per le persone che vengono ogni giorno. ” Più vicino a casa, “Comme chez soi”, il ristorante dello chef Lionel Rigolet ha perso una delle sue stelle lo scorso maggio.

READ  La causa della morte della star di Friends Matthew Perry è nota

Chi è Rene Redzepi, lo chef di uno dei migliori ristoranti del mondo? Video risposta:

La Guida Michelin sempre più contestata

Per molti, la Guida Michelin rimane il riferimento nel campo della gastronomia. Tuttavia, la sua immagine viene offuscata ogni anno di più poiché il prossimo Stars Gala si terrà il 6 marzo per la versione francese e il 13 marzo per le versioni belga e lussemburghese. Nel 2020 la Guida Michelin ha fatto parlare di sé togliendo la terza stella al ristorante Paul Bocuse situato nel dipartimento del Rodano in Francia. Una decisione tutt’altro che banale secondo il critico gastronomico Perico Legas che a FranceInfo ha dichiarato: “Non siamo più nell’approccio culinario ma nell’approccio alla comunicazione e la Guida Michelin fa storie attaccando il più grande ristorante francese, pensando che sia ottenere pubblicità e infatti l’effetto sarà esattamente l’opposto, è tragico”. Altri detrattori della Guida Michelin hanno proposto modi di comportarsi vicini al nepotismo.

Gwendal Pollenec, capo della Guida Michelin, si è giustificato con AFP: “Si tratta di ristoranti eccezionali, quindi puoi immaginare che si tratti di decisioni attentamente ponderate, supportate da numerose visite dei nostri ispettori. Durante tutto l’anno. Le stelle vengono conquistate ogni giorno di l’anno.” Una frase che Guy Savoy terrà senza dubbio a mente nei prossimi mesi.

Non perdere nessuna notizia sullo stile di vita su sosoir.lesoir.be e iscriviti ora alle nostre newsletter tematiche facendo clic qui.