Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il famoso attore italiano Carlo Bonomi, che ha doppiato molti cartoni animati, è morto all’età di 85 anni.

La sua voce era il suo strumento di lavoro. È morto sabato 6 agosto all’età di 85 anni Carlo Bonomi, il capostipite di molti cartoni animati italiani. È conosciuto nel suo paese per la voce di Calimero, la voce di “Pingu”, il pinguino di plastilina, e per aver doppiato Monsieur Linea nella serie animata “La Linea”.

Goditi il ​​Festival Interceltico:
Festival Interceltico di Lorient 2022

E Osvaldo Cavandoli, l’ideatore di “Mr. Linea” (nome completo del personaggio creato nel 1969) potrebbe pensare di non voler dare voce alla sua creazione. “Musica, se necessario, sì, ma non voce”dice un suo amico, il fumettista torinese Tino Aloi.

E ancora, per milioni di fan della serie, la voce creata dal doppiatore milanese Dal primo episodio della serieImportante quanto il personaggio disegnato.

“C’è da dire che Bonomi, che ha doppiato per molti spot pubblicitari, sapeva usare la sua voce mentre suonava uno strumento”.Spiega Dino Aloi. “Il suo istinto, la grana che ha dato gli hanno subito permesso di caratterizzare i personaggi che stava doppiando”.

Carlo Bonomi crea anche un linguaggio per raddoppiare “Mr. Linea” di Cavandoli. La sua stessa invenzione si basa su suoni, esclamazioni, onomatopee tratte dal suo dialetto milanese o anche da lingue straniere.

La chiave del successo internazionale della serie è che appare contemporaneamente alla sua nascita. “Tassa italiana”. E “Design Italia” Si caratterizza per le sue linee pure, sottili e slanciate e trova applicazione anche nel design di mobili, abiti, come fumetti o cinema d’animazione.

READ  Netflix presenta la sua nuova sede italiana e i suoi prossimi progetti

“Quando Osvaldo decide di dare voce al suo personaggio”Dino Aloi spiega ancora, “Ha conosciuto molti doppiatori. E quando ha visto Carlo Bonomi nel suo completo milanese completamente neutro da “ogni uomo” e ha aperto la sua valigetta, ha subito pensato all’ultima persona a cui affidare. Il doppiaggio del suo Mr. “Linea”… Poi ha iniziato a parlare… e lì, il fascino ha funzionato. Sono diventati ottimi amici e Osvaldo ha capito subito cosa la voce di Carlo portava al suo personaggio”.

C’è da dire che incontrare Carlo non è deprimente. In un’intervista del 2000 ai nostri colleghi della Rai, Carlo Bonomi ammise, sempre sorridendo, che se aveva considerato Osvaldo Gavandoli un intruso all’inizio della loro collaborazione, si era instaurata tra loro un vero clima di fiducia. Disegnatore del personaggio e scopritore della sua voce.

“Osvaldo me lo ha detto prima di iniziare: in questa puntata “La Linea” si arrabbierà, poi sarà felice… e basta. Per il resto ho improvvisato”.

Raddoppia la stessa formula “Manette”Un pinguino di plastica che gira il mondo con la voce di Carlo Bonomi. “Per me, fin dall’infanzia, era facile seguire i suoni dei piccoli giocatori: i tedeschi, i francesi, i giapponesi: era naturale. È così che ho iniziato”.

Nel 1985, ha aggiunto un’altra corda al suo arco registrando gli annunci sul palco e sul treno trasmessi dagli altoparlanti.Stazione centrale”, Il suo centro: Milano. Una vittoria di nuovo qui da allora in poi “Ferrovie dello Stato” (Italiano Sncf), qualche anno dopo, gli chiederà di registrare gli annunci della stazione “Santa Maria Novella” di Firenze.

READ  George Clooney non avrebbe dovuto insegnare l'italiano ai suoi figli

Fino a dicembre 2008 era Voice “The Line, Pingu, Calimero, Capitan Findus, Du Gigante Amico Ferrero” E così via… Blocca ogni giorno gli arrivi e le partenze di decine di migliaia di cittadini italiani.

Sabato scorso, un treno di partenza ha suonato all’età di 85 anni, le sue acrobazie sonore incise nella zigomatica e nei ricordi uditivi di milioni di giovani e meno giovani.