Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il cantante americano R. Kelly è stata condannata a 30 anni di carcere per reati sessuali

La star americana nota come “I Believe I Can Fly”, R. Kelly, è stata condannata nel settembre 2021 a New York per aver guidato per anni il “sistema” di sfruttamento sessuale dei giovani, compresi i minori.

Tempo di lettura: 2 minuti

IlLa star del tardo R&B americano R. Kelly, che è stata condannata nel settembre 2021 a New York per aver gestito un “sistema” di sfruttamento sessuale dei giovani, comprese le ragazze adolescenti, mercoledì è stata condannata a 30 anni di carcere.

La corte federale di Brooklyn ha emesso questa dura sentenza contro il cantante 55enne. Nove mesi fa, il processo al cantante noto a livello mondiale per la sua canzone “I Believe I Can Fly”, quattro anni dopo l’inizio dell’era #MeToo negli Stati Uniti, è stato analizzato come un indicatore di crimini sessuali negli afroamericani. comunicazione sociale.



Nell’ultimo atto d’accusa, i pubblici ministeri del tribunale federale di Brooklyn chiedono almeno 25 anni di reclusione penale per il “pericolo” che R. Kelly, il cui vero nome è Robert Kelly, pone alle sue vittime e all’opinione pubblica. L’ufficio del procuratore degli Stati Uniti lo ha ritenuto “una persona scortese, manipolatrice, controllante e coercitiva che non mostra segni di rimorso o rispetto per la legge”.

READ  Stéphane Vanhandenhoven («Affaire conclue») dézingue Pierre-Jean Chalençon