Aprile 13, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Belgio vuole iniziare ad addestrare i piloti ucraini sugli F-16 il prima possibile

Il Belgio vuole iniziare ad addestrare i piloti ucraini sugli F-16 il prima possibile

Non c’è una tempistica specifica. Al momento, i termini non sono stati ancora definiti.

Tra i punti da determinare ci sono il numero di piloti da addestrare e il luogo in cui si svolgerà questo addestramento.

“Dobbiamo anche guardare a quando i piloti ucraini saranno disponibili per l’addestramento. Questo non può andare avanti a lungo. Dovrebbe essere fatto il prima possibile”, ha aggiunto il ministro.

Il ministro belga ha parlato con il suo omologo olandese, Kajsa Olongren, che ha sottolineato l’importanza del via libera americano per addestrare i piloti dell’F-16 e la complessità del processo.

Il Belgio ha anche mostrato la sua disponibilità a contribuire alla manutenzione degli F-16 che saranno utilizzati dagli ucraini una volta che l’addestramento avrà luogo. Gli aerei belgi, invece, non sono inclusi nell’elenco degli aerei che possono essere trasferiti in Ucraina. “Abbiamo bisogno dei nostri F-16”, ha ripetuto la signora Dedondre.

La Russia ha messo in guardia i paesi occidentali dal consegnare questi aerei da combattimento americani all’Ucraina, affermando che una tale iniziativa rappresenterebbe un “grande pericolo per essa”.

L’escalation di Putin. La signora Dedonder ha indicato che continua i suoi attacchi contro l’Ucraina, il suo popolo e le sue infrastrutture.

La consegna di aerei da combattimento ha lo scopo di supportare il Paese e proteggere lo spazio aereo ucraino, e anche questa capacità aerea fa parte di una prospettiva a medio raggio in quanto può essere utilizzata solo dopo la consegna di detto aereo e l’addestramento dei piloti.

READ  La guerra in Ucraina: mercoledì Vladimir Putin fisserà nuovi obiettivi

Il sostegno dell’Ucraina rientra nel contesto della cooperazione tra alleati. “Non ha senso che tutti offrano la stessa cosa all’Ucraina”, ha aggiunto il ministro.

Da diverse settimane squadre provenienti da Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo collaborano in gruppi di lavoro “per rispondere in modo coerente alle esigenze degli ucraini”.

I lavori si stanno svolgendo anche all’interno di un gruppo di contatto internazionale, la cui riunione di giovedì si terrà in videoconferenza.

Mercoledì il ministro belga si è recato in elicottero militare alla base di Den Helder, nei Paesi Bassi settentrionali, dove si trova il quartier generale congiunto della componente navale belga e della marina olandese. Dopo un incontro con il suo collega olandese, ha visitato la scuola operativa del sito, che ogni anno forma tra i 2.200 ei 2.500 studenti. Vi lavorano duecento persone, di cui 22 belgi.

La fregata belga Leopold 1 è attualmente attraccata alla base olandese per lavori di manutenzione. Dovrebbe essere nuovamente operativo nell’agosto 2024.