Giugno 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il 79% delle donne non ha un monitoraggio cardiovascolare

Il 79% delle donne non ha un monitoraggio cardiovascolare

Il 28 maggio 2024 sarà la Giornata internazionale di azione per la salute delle donne. In questa occasione, l’associazione Agir pour le Cœur des Femmes richiama l’attenzione su una situazione allarmante. Sebbene l’infarto del miocardio sia la principale causa di morte tra le donne e una su quattro sia colpita da un ictus, il 79% delle donne non viene sottoposto a monitoraggio cardiovascolare.

Questo numero proviene dall’Osservatorio nazionale sulla salute delle donne 2024, uno studio dell’organizzazione che raccoglie dati medici raccolti in 8.000 cartelle cliniche risultanti dagli screening del bus cardiaco delle donne sin dal loro inizio.

Malattie cardiovascolari: l’89% delle donne presenta almeno due fattori di rischio

3H L’edizione dell’ONSF rivela inoltre che tre quarti delle donne in postmenopausa (74%) non sono seguite da un cardiologo. Ciò è particolarmente preoccupante per l’associazione, poiché si trovano nel periodo più pericoloso della loro vita. Inoltre, meno della metà (44%) aveva avuto un recente follow-up ginecologico. “Dopo i 69 anni il follow-up ginecologico delle donne crolla, anche se dovrebbero continuare la mammografia almeno ogni due anni. Le donne in postmenopausa hanno un follow-up ginecologico inferiore rispetto alle donne non in menopausa e non sono adeguatamente monitorate a livello cardiovascolare.Lo spiega l’associazione nel suo comunicato stampa.

Un’altra nota: quasi 9 pazienti su 10 (89%) hanno almeno 2 fattori di rischio cardiovascolare con un’età media di 55 anni. Quasi la metà (46%) presentava anche due fattori di rischio ostetrico (contraccezione, mancanza di follow-up ginecologico, gravidanza tardiva, ecc.). Un elemento che li rende pazienti ad alto rischio.

Secondo lo studio, due terzi delle donne soffrono di fattori di rischio psicosociali – come lo stress cronico – associati a malattie cardiovascolari. “Le donne nel 21° secolo si trovano più che mai ad affrontare questi fattori di rischio: l’aumento del carico di lavoro mentale e la crescente adozione di comportamenti a rischio (stile di vita sedentario, cattiva alimentazione, tabacco, alcol, contraccettivi, ecc.) riducono sempre più il divario sessuale in termini della mortalità cardiovascolare, purtroppo, non va nella buona direzione.Aggiunge la recitazione per il cuore delle donne.

READ  Ginevra Salute: “I papillomavirus non minacciano solo le ragazze”

Salute della donna: come migliorare la consultazione con il medico

Oltre ai fattori di rischio che aumentano il rischio di malattie cardiache nelle donne, l’associazione avverte anche che la medicina non tiene conto delle caratteristiche delle donne, il che può portare a carenze nelle cure (sintomi meno specifici, trattamenti più adatti agli uomini, ecc.) .).

Per aiutare i pazienti “Per essere più attivi nella propria salute insieme al proprio medico”Action for Women’s Heart ha sviluppato un questionario autosomministrato intitolato “Sto impostando la mia consulenza”. Scaricabile dal sito dell’associazioneAiuta a valutare la storia ginecologica, cardiovascolare, familiare, nonché lo stile di vita e persino il follow-up medico. Fornisce inoltre consigli pratici per l’appuntamento (quali documenti portare, quali informazioni prendere, quali misure prendere, ecc.).

“Completando questo autoquestionario e presentandolo accompagnato dalla cartella clinica completa, la consultazione sarà ottimale, a beneficio di entrambi (medico e paziente).” Garantisce l’organizzazione.