Novembre 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’azienda canadese introduce il primo mantello termico dell’invisibilità

Il “vero” mantello dell’invisibilità in stile Harry Potter deve ancora aspettare.

La furtività è sempre stata un concetto popolare nella narrativa, sia in opere di narrativa come Harry Potter Nel suo famoso abito o in prodotti pensati per essere più realistici, come l’invisibile Aston Martin 007 In morire un altro giorno.

Ci sono state alcune proposte interessanti e talvolta impressionanti. Ma questa tecnologia deve ancora oltrepassare il confine tra fantasia e realtà e, fino a prova contraria, c’è ancora molta strada da fare.

Ma ciò non impedisce a molti ingegneri, soprattutto nel settore militare, di continuare a inseguire questa tecnologia. Nel 2019, Canadian Hyperstealth Biotechnology ha creato un concetto piuttosto impressionante, anche se è ancora lontano dall’essere perfetto.

Ma di recente, un’altra azienda chiamata Vollebak ha introdotto un’innovazione che potrebbe essere uno dei primi passi tangibili verso ” VERO » Abbigliamento mimetico attivo. Ha mostrato la sua invenzione in un comunicato stampa individuato da Wired.

Un’azienda specializzata in abbigliamento esotico

Vollebak non è sicuramente un’azienda come le altre. Navigando nel suo sito web, scopriamo un mucchio di progetti incentrati sull’abbigliamento, ognuno più pazzo dell’altro. Possiamo citare, ad esempio, il loro piumino solare luminescenteessi Impermeabile ” Antiproiettile »o il giacca della fine del mondo Rivestimento resistente alle esplosioni e alla corrosione chimica. E per circa tre anni erano interessati a scomparire.

Questo viaggio non è stato facile. Per molto tempo, hanno fallito in tutti i loro tentativi di trovare una tecnologia che potesse fungere da base per questo prodotto. Ma tutto è cambiato quando Steve Tidpool, uno dei fondatori di Vollebak, ha appreso di una sostanza come nessun’altra.

READ  La cometa Leonard può essere vista al tramonto

Dice di aver avuto il suo momento Eureka quando un conoscente gli ha presentato l’immagine di un materiale a base di grafene in grado di mascherare la radiazione infrarossa da una fonte di calore – il corpo umano, per esempio – con l’obiettivo di rendere l’oggetto in questione completamente invisibile a telecamere termiche. ” Mi dicevo: “Deve essere necessariamente un primo passo verso la scomparsa”.come dice in a intervista a cablato.

Mel-foil di grafene per domare la radiazione infrarossa

Il materiale in questione è stato sviluppato da Coskun Kocabas, professore di Scienza dei materiali all’Università di Manchester. In realtà è una specie di schermo composto dalle stesse celle (o “pixel”) composte da cento strati di grafene.

È un materiale molto trendy in molte aree di ricerca come la nanotecnologia o l’ottica, perché ha molte proprietà uniche. In particolare, ha un’eccezionale conduttività elettrica, e questo vantaggio è sfruttato direttamente da queste celle di grafene.

Tra ogni fetta di questi “panini”, i ricercatori hanno fatto circolare un liquido conduttivo che non hanno specificato. Secondo il ricercatore, questa disposizione permette di creare ” Superfici ottiche configurabili »; Ha permesso loro di rendere ogni cellula altamente riflettente dei raggi infrarossi.

In breve, quando viene applicata loro una corrente elettrica, queste miglia di carbonio vengono convertite in veri e propri specchi di radiazione termica. In questo modo gli ingegneri possono controllare individualmente ogni pixel per determinare la quantità di raggi infrarossi che possono passare.

Ciò consente alla termocamera di credere che stia prendendo di mira un oggetto freddo e inerte, mentre in realtà sta guardando un oggetto caldo la cui temperatura è bloccata da questa pozza di grafene.

READ  Covid-19 a Perpignan: "L'epidemia torna a tremare, ma sembra che ci si stia dirigendo verso una situazione più cronica"

Nei video, questo approccio sembra funzionare bene. cablato Così sono andato a consultare gli specialisti in materia per vedere quali sono le implicazioni. La maggior parte di loro condivide la stessa interpretazione. Hanno riconosciuto l’ingegnosità dell’approccio, ma si sono mostrati scettico sulle prospettive future.

Il “VEROL’invisibilità è sfuggente

Perché domare gli infrarossi è una cosa – altri ricercatori ci si sono già avvicinati, ad esempio in questi lavori -, sottoporre alla propria volontà l’intero spettro visibile della luce è tutta un’altra cosa. È persino così complesso che nel 2016 un team di eminenti ricercatori ha stimato che il concetto fosse teoricamente impossibile a livello umano (vedi questo documento di ricerca).

cablato Inoltre, ha scoperto Andrea Ali, uno dei ricercatori coinvolti; Ha preferito astenersi da qualsiasi commento, in quanto i designer non hanno attualmente prodotto un articolo di ricerca relativo al loro lavoro.

Un altro ricercatore spiega anche che anche se le forze di Vollebak potessero miniaturizzare queste cellule e coprire l’intera superficie dell’indumento senza il minimo spazio vuoto, sarebbero comunque abbastanza lontane dal “reale” mantello dell’invisibilità. Preferibilmente una veste da “camaleonte”, che è del tutto diversa; In questo caso, una persona rimarrà completamente visibile se si trova di fronte a una fonte di luce, o se due persone la guardano contemporaneamente da due luoghi diversi.

Per tutti questi motivi, il co-fondatore è cauto sulle scadenze indicate; Si prevede che il primo abbigliamento Invisibility Garment non arriverà tra un altro decennio. Ha anche affermato francamente che è ancora solo una prova di concetto. Ma nonostante tutto, Vollebak credeva ancora nel suo progetto. “Imbrogliare le telecamere a infrarossi è solo la prima parte del viaggiospiega il co-fondatore.

READ  L'ESO svela l'iconica immagine della nebulosa conica e del "pilastro della creazione" nel suo 60° anniversario

Posizione alquanto intrigante di Mario Pelaez Fernandez, Postdoctoral Fellow presso l’Università di Lille; Al contrario, ritiene che questo concetto di camuffamento termico potrebbe davvero avere un futuro in quanto tale, molto più, tuttavia, della realtà dell’essere inseguiti “VERO” Un’invisibilità che probabilmente non accadrà presto.

Stanno cercando di promuovere la loro idea come porta a un mantello dell’invisibilità… quando in realtà hanno un dispositivo davvero interessante: un mantello dell’invisibilità per le termocamere.“, spiega. Quindi ti diamo una data tra dieci anni per vedere se Vollebak ha aggiunto una giacca per l’occultamento al suo catalogo, o se sceglierebbe di favorire il suo concetto attuale.