Maggio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il 10% dei pensionati non paga più le tasse in Belgio: vero o falso?

Il 10% dei pensionati non paga più le tasse in Belgio: vero o falso?

È una piccola frase che non è passata inosservata nell’episodio finale dello show Trasmissione vocale “Click – punto di svolta”: Il professore dell’Università UCLouvain Jan Hendricks ha sottolineato il destino dei pensionati belgi che partono per vivere con la pensione all’estero e la mancanza di autorità fiscali belghe.

Abbiamo il 10% dei pensionati in esilio, dichiarazioni dello specialista di finanza pubblica, Cioè vivono all’estero, ricevono una pensione dallo stato belga, dalla nostra previdenza sociale, ma qui non pagano più le tasse. Non contribuiscono più alla previdenza sociale, non pagano più l’imposta sul valore aggiunto, ma possono ancora beneficiare della previdenza sociale, cioè se hanno problemi di salute possono tornare in Belgio per le cure, ed è rimborsato dalla previdenza sociale . Questi sono i tipi di cose su cui devi porre domande, in un contesto in cui le finanze pubbliche vengono contabilizzate.

Fughe di scontrini IVA

È davvero così? Prima sui numeri : siamo già quell’ordine di grandezza. Secondo le più recenti statistiche complete del Servizio pensionistico federale, pubblicate nel 2020, poco più di 200.000 pensionati hanno scelto di andare in pensione all’estero, ovvero il 9,21% del numero totale di pensionati. Quindi siamo vicini, in effetti, vicini al 10%. E il fenomeno è in piena espansione: dieci anni fa, solo 40.000 avrebbero fatto la scelta.

Possiamo considerare che non pagano più le tasse con noi? Non tutti i pensionati residenti all’estero, infatti, sono alloggiati sulla stessa barca, come giustamente questo dimostra Eco in un articolo prodotto nel 2020. I pensionati del servizio pubblico sono ancora tassabili in Belgio, ma non è così per i lavoratori dipendenti e autonomi.

READ  Regno Unito: aspetta fino a 4 ore per attraversare il canale in Francia

Per loro, l’addebito diretto avviene spesso nel paese di residenza, a meno che questi paesi non abbiano accordi specifici con il Belgio: questo è il caso dei paesi vicini (Germania, Paesi Bassi, Lussemburgo, Regno Unito) ma non è il caso di Francia, Spagna o addirittura Italia, che insieme attira più della metà dei pensionati belgi. Un paese come il Portogallo ha anche fatto una scelta politica per attrarre pensionati stranieri nel proprio territorio applicando loro una flat tax relativamente bassa per i primi dieci anni di residenza.

Resta l’IVA. Le pensioni piccole e medie non sono tassate pesantemente (sono soggette a ritenuta d’acconto, ma solo a partire da un certo livello, 16.000 euro a persona. E Per il contributo previdenziale viene detratto il 3,55% dell’importo totale ma solo quando il reddito supera un certo limite: 1962,33 euro per le famiglie e 1655,77 euro per i single), soprattutto attraverso l’ammortamento e il pagamento dell’imposta sul valore aggiunto, i pensionati contribuiscono alle finanze pubbliche. A questo punto, poiché vengono consumati nel luogo di residenza, molti potenziali introiti fuggono dal Belgio, almeno fintanto che non attrae molti pensionati stranieri sul suo territorio.

Se vuoi prenderti il ​​tempo per vedere più chiarezza su questa questione di finanza pubblica, ascolta 45 minuti di questo nuovo episodio di PODCAST “Déclic – Le Tournant”, su Avio E su tutte le tue piattaforme di download.