Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I telescopi James Webb e Hubble ci stupiscono con questa galassia a spirale barrata

I telescopi James Webb e Hubble ci stupiscono con questa galassia a spirale barrata

Ogni giorno all’inizio di ottobre, la NASA pubblica online la grandiosa immagine di una galassia catturata dal telescopio Hubble. Futura ne offre due per cominciare: le galassie a spirale barrata NGC 685 e NGC 5068, quest’ultima delle quali è stata osservata anche recentemente utilizzando il telescopio spaziale James Webb, JWST.

Potrebbe sembrare che stiamo parlando solo del telescopio spaziale James Webb, ma il venerabile telescopio Hubble è ancora attivo e la sua eredità è molto viva, contribuendo a portare contenuti alle nuove immagini del telescopio spaziale James Webb mentre orbita. Guardando verso cose che sono già state studiate con Hubble. Questo ottobre, la NASA ha colto l’occasione per ricordarci che con più di 33 anni in orbita e 1,5 milioni di osservazioni, i dati di Hubble forniscono ancora una grande quantità di informazioni sugli oggetti nel nostro universo – o semplicemente sono sempre fonte di meraviglia. .

La NASA ha pubblicato online un’immagine della galassia spirale barrata NGC 685 e quella scattata sia da Hubble che da JWST di NGC 5068, un’altra galassia spirale barrata con migliaia di regioni di formazione stellare e grandi quantità di polvere interstellare, come descritto in un comunicato stampa pubblicazione. .

I raggi infrarossi e ultravioletti furono scoperti 200 anni fa

Il campo Nu venne a conoscenza per la prima volta di NGC 5068 nel 1785 quando l’astronomo britannico William Herschel lo scoprì utilizzando il suo telescopio con lunghezza focale di 12 metri (il più grande all’epoca) nella regione meridionale della costellazione della Vergine. È ormai noto che dista circa 20 milioni di anni luce dalla Via Lattea e il suo diametro è di circa 45mila anni luce.

READ  Puzzle con fiammiferi: muovi 1 fiammifero e correggi l'equazione 6 - 3 = 9 | Un puzzle difficile

William Herschel non fu famoso solo per la sua scoperta del pianeta Urano, ma lo fu anche per aver scoperto nel 1800 l’esistenza della radiazione infrarossa, che chiamò “calore radiante”. Herschel utilizzò quindi un prisma di vetro per diffondere la luce solare e collocò tre termometri su un tavolo su cui veniva proiettato lo spettro solare. Spostò uno dei termometri per misurare l’aumento della temperatura associato a ciascun colore dello spettro quando fu sorpreso di notare che la temperatura continuava a salire anche se il termometro aveva già attraversato lo spettro visibile sul lato rosso.

Quindi oggi Herschel non si stupirebbe se gli dicessimo che NGC 5068 può essere osservata anche nell’infrarosso e anche nell’ultravioletto fin dalla sua scoperta nel 1801 da parte del suo contemporaneo, il fisico tedesco Johann Wilhelm Ritter.

Infatti, nel giugno 2023, la NASA ha pubblicato la propria immagine a infrarossi di NGC 5068 scattata con il telescopio spaziale James Webb nel tentativo di saperne di più sulla formazione stellare. Le giovani stelle calde emettono luce ultravioletta e Hubble le stava già studiando nell’ultravioletto nel caso di NGC 5068.


Le galassie sono il fondamento visibile dell’universo; Ciascuno è un insieme di stelle, pianeti, gas, polvere e materia oscura tenuti insieme dalla gravità. Le osservazioni di Hubble ci danno informazioni su come le galassie si formano, crescono ed evolvono nel tempo. Per una traduzione francese abbastanza accurata, clicca sul rettangolo bianco in basso a destra. La traduzione in inglese dovrebbe apparire successivamente. Cliccate poi sul dado a destra del rettangolo, poi su “Traduzioni” e infine su “Traduci automaticamente”. Seleziona “Francese”. © Centro di volo spaziale Goddard della NASA