Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I ricercatori avvertono del rischio di un’ondata di caldo peggiore rispetto a quella del 2003

I ricercatori avvertono del rischio di un’ondata di caldo peggiore rispetto a quella del 2003

HPotrebbe verificarsi un’ondata di caldo peggiore di quella verificatasi nel 2003 durante le Olimpiadi di Parigi? Sì, se dobbiamo credere ai ricercatori e agli autori di A Uno studio pubblicato sulla rivista Npj Scienze del clima e dell'atmosfera. In un mondo che soffre a causa del riscaldamento globale, gli scienziati considerano questo scenario “probabile” e vogliono allertare le autorità di regolamentazione.

Bollettino di scienza e tecnologia

Ogni sabato alle 16:00

Ricevi le ultime notizie scientifiche e tecnologiche e approfondisci conversazioni chiave, scoperte importanti, innovazioni e dietro le quinte…

Grazie!
La tua registrazione è stata presa in considerazione utilizzando l'indirizzo email:

Per scoprire tutte le altre nostre newsletter, vai qui: Aritmetica

Registrandoti accetti le nostre Condizioni Generali d'Uso e l'Informativa sulla Privacy.

“Abbiamo iniziato osservando l’ondata di caldo del 2003, che ci ha sorpreso tutti per la sua grandezza”, spiega Pascal Yu del Laboratorio per le scienze climatiche e ambientali (LSCE), autore principale dello studio. Nel giro di vent’anni il clima era cambiato e l’idea era quella di allertare le autorità pubbliche sulla possibilità che qualcosa di molto peggiore di quanto accaduto nel 2003. »

+4°C rispetto al 2003 nell'Ile-de-France

In effetti, la probabilità di superare l'ondata di caldo del 2033 è molto alta, circa 1 su 100, con temperature in aumento di circa 4 gradi Celsius nell'Ile-de-France, secondo le stime del ricercatore. Nel 2003, per nove giorni consecutivi, Parigi ha registrato temperature superiori ai 35°C durante il giorno, con un po' di freddo durante la notte.

Rispondendo ad una domanda dell'AFP, gli organizzatori olimpici hanno affermato di essere “pienamente consapevoli dell'impatto che il cambiamento climatico potrebbe avere sulle competizioni” e di “anticiparlo il più possibile”, pianificando “misure specifiche”, a seconda dello sport. Gli eventi esterni possono essere “riprogrammati caso per caso”.

READ  Monitora il tempo oggi, sabato: i temporali raddoppiano a mezzogiorno

Gli organizzatori, in collaborazione con Météo-France e Santé publique France, si basano sui dati storici per ciascuna località olimpica, ma sarà necessario attendere fino ad aprile per avere un'indicazione delle principali tendenze meteorologiche per luglio.