Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I dipendenti francesi sono più nervosi di quanto non fossero prima della pandemia

Il 64% dei dipendenti francesi afferma di sentirsi stressato sul lavoro almeno una volta alla settimana, secondo un ampio studio pubblicato da franceinfo venerdì 2 settembre 2022. Se il numero è molto inferiore alla media globale, è il 67% di stressati dipendenti. Anche per quanto riguarda il dato europeo, il 71% dei dipendenti è stressato, mostra un aumento vertiginoso rispetto al periodo pre-pandemia, all’inizio del 2020, quando quella stessa domanda era stata posta dall’ADP, lo specialista delle risorse umane.

In poco più di due anni, la quota di dipendenti francesi colpiti da stress è già aumentata di nove punti. Innanzi tutto ci lamentiamo che le giornate lavorative diventino troppo lunghe, minando l’ormai sacro equilibrio tra carriera e vita personale. Più di un dipendente su cinque, il 22% per l’esattezza, segnala maggiori responsabilità dall’inizio della crisi sanitaria. Ciò è particolarmente vero nell’edilizia, nell’istruzione e nella salute, nonché nel tempo libero e nell’ospitalità. Infine, e questo può sembrare paradossale in un mercato del lavoro in cui l’equilibrio di potere è ormai a favore dei dipendenti, una buona percentuale di dipendenti, il 20%, si dice stressata per paura di perdere il posto di lavoro. Gli operatori dei media e dell’informazione sono particolarmente in questa situazione.

Il lavoro a distanza sembra aver cambiato il gioco. Questo studio mostra che i manager sono meno in grado di rilevare “segnali deboli” che tradiscono ansia o stress in coloro che controllano. La metà dei dipendenti è d’accordo con questo punto di vista e ritiene che i propri superiori scoprano meno carico di lavoro, stress o problemi di salute mentale rispetto a prima quando l’attività viene svolta a casa piuttosto che in ufficio.

READ  Questi segni non dovrebbero essere ignorati

Infine, alcune categorie di lavoratori sono più stressate di altre: la stragrande maggioranza dei giovani è la più stressata. Quasi tre quarti di loro affermano di provare affaticamento al lavoro almeno una volta alla settimana. Sono 12 punti in più rispetto al dipendente medio.

I lavoratori a distanza e le donne sono al primo posto nella scala dello stress lavorativo e questo fenomeno è particolarmente colpito da alcuni settori, come i media e l’informazione, l’intrattenimento e l’ospitalità e le tecnologie dell’informazione e della comunicazione.