Gennaio 18, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Ho quasi perso un occhio’: Patrice Evra racconta il suo ritorno nel quartiere in cui è cresciuto

In una lunga intervista a Le Parisien, Patrice Evra ha toccato una serie di argomenti che gli stanno a cuore. L’omosessualità è un tabù nel calcioE l’impatto che ha subito nella sua giovinezza, il razzismo e il suo ritorno al quartiere della sua infanzia non è Ulisse.

Noto per la sua franchezza, l’ex difensore del Manchester United in particolare, ha parlato del suo legame con la periferia in cui è cresciuto. Non avrebbe mai immaginato di ricevere un tale benvenuto. “È difficile, perché anche quando hai successo, torni nel quartiere e sei visto come un estraneo. Tutti quegli amici che dicevano: “È una famiglia”… beh, è ​​sbagliato, diventi un nemico ”, Si bilancia prima di evocare una posizione precisa, “Ho quasi perso un occhio perché sono tornato e qualcuno parlava di me”.

Una storia che non hanno mai raccontato, ma che indica la difficoltà che può sorgere quando torna la persona che ha raggiunto il successo. “Io, ero così felice, sono persino tornato con la divisa del club per vedere i miei amici che erano vestiti in modo sciolto. Hanno detto di me mi sono detto”Ammette un po’ di rammarico.

Ora 40enne, lo zio Pat pensa al futuro del suo quartiere e si dice che dovrà mettere le mani su Pat per Ulis. “Quando esci da lì, devi dare il buon esempio e cercare di aiutare le persone. Quando tornerò in Francia, cercherò di fare qualcosa per il mio quartiere”, insiste.

READ  Accordo sul tavolo tra il tecnico del Brugge e il club francese