Novembre 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Qatar: Abbiamo incontrato due donne a Doha, che ci hanno raccontato la loro vita quotidiana

Il Qatar non è l’Arabia Saudita! Contrariamente alla credenza popolare, nel principato le donne guidano, lavorano e escono da molto tempo. Ma è anche soggetto a discriminazione. Due qatarini hanno accettato di raccontarci la loro vita a Doha.

È l’ora di punta a Doha quando parliamo con il nostro primo testimone. La maggior parte delle persone lascia il lavoro. Reem Al-Ansari, il volante del suo 4WD, ci guida al suo lavoro. È avvocato e professoressa di diritto. “Ieri ho avuto un caso in tribunale del lavoro per difendere un lavoratore e abbiamo vinto!”lei spiegò.

All’età di trentadue anni, la giovane donna aprì la propria clinica. Indossa l’abito tradizionale del Qatar, l’abaya: un lungo vestito nero e un velo che non le nasconde completamente i capelli. Reem è sorpresa dalle nostre domande sui diritti delle donne in Qatar: ci spiega che sua nonna era già alla guida della sua macchina! “Ci sono giudici, avvocati, pubblici ministeri…”


Secondo Amnesty International, le donne devono ancora chiedere agli uomini il permesso di sposarsi o viaggiare all’estero fino all’età di 25 anni. Quando le chiediamo della tutela maschile, che è ancora presente nella vita delle donne, l’avvocato è ancora più imbarazzato. “Preferisco non rispondere a questa domanda e ti spiego perché: non c’è nulla nella legge al riguardo…”

C’è un documento speciale chiamato “Permesso di uscita”

E la sua esperienza personale? “Non ho mai chiesto il permesso…Vale? Sì! In molti casi… C’è un documento speciale chiamato ‘Permesso di uscita’. Alcuni dei miei studenti mi hanno detto che ne hanno bisogno e non so se è vero. Comunque non l’ho fatto a me non succede mai…”.

Lasciamo Reem per raggiungere un’altra giovane donna del Qatar. Mishaal Rashid lavora per la Banca Centrale del Qatar. Questa 30enne si sente molto bene nel suo paese e viaggia molto. Libertà ben strutturata per i qatarioti: possono uscire, ma non da nessuna parte. Ad esempio, è impossibile andare a bere alcolici in un hotel, verrà loro negato l’ingresso. Ma questo vale anche per l’uomo del Qatar. A meno che non vada al bar vestito in stile western. Dobbiamo stare al passo con le apparenze… Mishaal non è sposata e decide che nessuno potrà costringerla a un marito.

READ  Guerra in Ucraina: continuano le evacuazioni in Azovstal secondo KIV, primo processo per crimini di guerra

Grandi differenze tra le famiglie

La vita di una donna del Qatar può variare notevolmente da famiglia a famiglia. La famiglia è aperta o, al contrario, conservatrice. Le regole della tutela maschile non sono incluse nella costituzione del Qatar. È il risultato di pratiche alquanto ambigue. Diverse ONG chiedono al Qatar di eliminare questa discriminazione persistente.