Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli scioperi contro gli Houthi sono “necessari” e “proporzionati”

Gli scioperi contro gli Houthi sono “necessari” e “proporzionati”

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha affermato che gli attacchi statunitensi e britannici contro i ribelli Houthi dello Yemen, che nelle ultime settimane hanno intensificato i loro attacchi alle navi nel Mar Rosso, sono “limitati, necessari e proporzionati”.

“Nonostante i ripetuti avvertimenti della comunità internazionale, gli Houthi hanno continuato a effettuare attacchi nel Mar Rosso, anche questa settimana, contro navi da guerra britanniche e americane. Ciò non può continuare (…), quindi abbiamo adottato misure limitate, necessarie e proporzionate in difesa”, ha detto in una nota. Riguardo a se stesso.

Il canale televisivo Al-Masirah, gestito dagli Houthi, ha detto venerdì che sono stati effettuati attacchi aerei sulla capitale yemenita, Sanaa, e su altre città controllate dai ribelli a Hodeidah e Saada.

I corrispondenti dell'Agence France-Presse in queste tre città hanno affermato di aver sentito diverse esplosioni.

Joe Biden ha affermato in un comunicato stampa che l'operazione statunitense-britannica è stata effettuata “in risposta diretta agli attacchi senza precedenti lanciati dagli Houthi contro le navi internazionali nel Mar Rosso”, riferendosi ad un'azione “difensiva”.

Il presidente americano ha inoltre avvertito che “non esiterà” a “ordinare ulteriori azioni” se necessarie per proteggere l’America e il commercio internazionale.

Diversi media americani hanno riferito che gli attacchi hanno utilizzato aerei da combattimento e missili Tomahawk. La Casa Bianca ha affermato che hanno beneficiato del “sostegno” di Australia, Bahrein, Canada e Paesi Bassi.

Il leader ribelle yemenita Abdul-Malik al-Houthi ha minacciato giovedì di rispondere a qualsiasi attacco americano nel Mar Rosso con operazioni “più grandi” di quelle avvenute martedì.

READ  La guerra tra Israele e Hamas: “Nei raid sono caduti più di 60 martiri”, secondo il movimento islamico

Poi tre cacciatorpediniere americani, la nave britannica HMS Diamond e gli aerei da combattimento della portaerei statunitense Dwight D. Eisenhower abbatterono 18 droni e tre missili.