Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli edifici in Marocco erano abbastanza forti da resistere ai terremoti? Risponde Pascal Cohen, architetto a Casablanca

Gli edifici in Marocco erano abbastanza forti da resistere ai terremoti?  Risponde Pascal Cohen, architetto a Casablanca

Marrakech, come la maggior parte delle grandi città, presenta edifici di epoche molto diverse fianco a fianco.

Gli edifici costruiti negli ultimi decenni devono essere stati progettati secondo le norme antisismiche.

“Dagli anni ’80 e ’90 tutti gli edifici sono stati costruiti secondo gli standard sismici”. Pascal Cohen identifica. “Oggi in Marocco siamo obbligati a presentare piani strutturali quando vogliamo costruire un edificio, qualunque sia la sua dimensione: un edificio, una casa individuale, un centro congressi, un museo o un centro congressi… Oggi siamo obbligati a fornire queste garanzie” alle autorità che rilasciano i permessi di costruire. Essi esaminano tutto. “I piani non ti danno il permesso di costruire a meno che questi piani non rispettino le norme internazionali per la lotta ai terremoti”.

“Non possiamo più costruire un edificio in Marocco senza che sia antisismico.”

Pertanto, gli edifici più nuovi dovrebbero essere più resistenti agli urti.

Questo vale anche per gli edifici antichi, progettati in determinati periodi in cui vi era un particolare interesse per i materiali e le tecniche costruttive: “Tutto ciò che veniva costruito negli anni Cinquanta e Quaranta, durante il protettorato francese, era molto resistente e di altissima qualità”. Commenti di Pascal Cohen. “A“Gli edifici che hanno retto bene sono quelli costruiti negli anni Cinquanta o in anni recenti”.

Ma altri edifici, ed altre epoche, non hanno questa resistenza. Ci sono edifici degli anni ’60 e ’70 che sono stati costruiti molto velocemente e con materiali non sempre legali.

Ci sono edifici molto vecchi e fragili, soprattutto nelle piccole strade AL Madinah AL Munawwarah, di fama mondiale. “Si tratta di edifici molto antichi e non necessariamente mantenuti nel tempo. E quando arriva uno shock come venerdì sera, ne paghiamo il prezzo perché non abbiamo prestato attenzione a questo patrimonio”.