Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gazprom taglia ulteriormente le forniture di gas all’italiana Eni e all’austriaca OMV

Gazprom taglia ulteriormente le forniture di gas all’italiana Eni e all’austriaca OMV

Gazprom ha tagliato la fornitura di gas a Eni di un ulteriore terzo, consegnando lunedì circa 21 milioni di m³, ha annunciato il gruppo italiano di idrocarburi in un comunicato stampa.

La media degli ultimi giorni è stata di 32 milioni di m³, osserva Eni. Parte del gas consegnato in Italia dalla compagnia russa è trasportato dal Nord Stream 1, in manutenzione da lunedì mattina.

La maggior parte del gas russo fornito all’Italia passa attraverso l’Ucraina, attraverso il gasdotto TAG, raggiungendo Tarvisio, nel nord del Paese, al confine con l’Austria.

Inoltre, la società del gas interrompe le forniture di gas al gruppo austriaco OMV. “Gazprom ha segnalato una riduzione delle forniture di gas a OMV, che si traduce in un calo del 70% dei volumi in arrivo oggi al terminal di Baumgarten.“, uno dei principali centri di distribuzione dell’Europa centrale, ha affermato la società in un comunicato inviato ad AFP.

Cadono le scorte

Le esportazioni russe di gas verso l’Europa sono in costante calo da quando sono iniziate le sanzioni contro la Russia. Gazprom ha interrotto le forniture di gas a diversi clienti europei che si sono rifiutati di pagare in rubli.

Il vice primo ministro russo Alexander Novak ha assicurato a metà maggio che più della metà delle società straniere coinvolte in contratti di fornitura di gas con Gazprom hanno aperto conti in rubli presso Gazprombank e hanno onorato i loro pagamenti, ha citato RIA Novosti.

Eni, controllata dallo Stato al 30,3%, ha così ottemperato alle richieste di Mosca e ha aperto a fine maggio un conto con Gazprombank in euro e uno in rubli per saldare i pagamenti delle forniture di gas russo. Le quote sono pagate in Euro a seconda del gruppo.

READ  Coronavirus: il tribunale italiano ordina lo studio dei vaccini a RNA messaggero

L’Italia è riuscita a ridurre al 25% la sua dipendenza dal gas importato dalla Russia contro il 40% dello scorso anno, ha indicato a fine giugno Mario Draghi, il capo del governo, grazie agli sforzi di diversificazione dei fornitori avviati dopo l’invasione ucraina. .

Secondo Roberto Cingolani, ministro per il cambiamento ambientale, le azioni italiane erano al 55% a fine giugno e dovrebbero raggiungere il 90% entro fine anno.