Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dipendenti dell’hospitality, specie in via di estinzione: “È ora di sapere cosa fare”

Dipendenti dell’hospitality, specie in via di estinzione: “È ora di sapere cosa fare”

Le cucine di questo prestigioso ristorante di Bruxelles lavorano a pieno ritmo dalla mattina alla sera. 10 chef si distribuiscono i vari compiti tra piatti di carne e di pesce, preparazione di salse, ecc. Ma 10 non bastano.

Come in molti altri ristoranti, la carenza di personale è avvertita dai team che devono lavorare di più. Per aiutarli arriva lo chef a mettere mano in cucina. “Non ci sono abbastanza persone ed è importante per me restare in contatto con loro durante la preparazione e continuare a dare loro consigli, anche questo è importante.“, spiega Lionel Rigolet, capocuoco di Comme chez soi.

Per tutti i dipendenti lavorare in una cucina come questa è soprattutto una storia di passione. Come Dylan, che deve il suo amore per la cucina a sua madre. “Lei era del mestiere, da lei ho imparato a cucinare e non ho più smesso. Se non siamo motivati, non ha senso fare quello che facciamo altrimenti non lavoreremo mai per le ore a nostra disposizione“.

Ho la fortuna di poter fare qualcosa dove non ho la sensazione di lavorare, dove mi diverto, dove è sempre in movimento. Sono così felice che ci sentiamo meno sacrificati“, confida Mark, 20 anni.

Ma i giovani appassionati stanno diventando sempre più rari. Se il settore Horeca conta 330.000 posti di lavoro diretti e indiretti in Belgio, si stima che vi sia una carenza di personale del 20%.

READ  “La nostra famiglia reale preferita è...”: le principesse borboniche si affidano ad Alex Patard a Place Royale
-->

Per il ristorante che abbiamo visitato, la carenza di personale ha costretto i proprietari a modificare gli orari. Ora, oltre ad essere chiuso la domenica e il lunedì, è chiuso anche il martedì. “È giunto il momento di porci la domanda su cosa faremo per cercare di motivare i giovani ad intraprendere la nostra professione.“, si preoccupa Laurence Rigolet, direttore del ristorante.

Nella ristorazione in Belgio, lo stipendio medio lordo è di 2.700 euro al mese.