Maggio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Decifrare le emozioni evocate dall'arte utilizzando l'intelligenza artificiale

Decifrare le emozioni evocate dall'arte utilizzando l'intelligenza artificiale

L’arte spesso suscita una risposta emotiva. Ma è difficile anticipare e pianificare quando si preparano le esperienze museali… almeno non ancora!

Nell’ambito di un progetto di ricerca per integrare l’intelligenza artificiale (AI), Laboratorio congiunto DOT L’Université Laval sta collaborando con il Musée National des Beaux-Arts de Quebec (MNBAQ) e la società di tecnologia immersiva OVA per sviluppare uno strumento per consigliare e simulare viaggi ed esperienze artistiche basate sulle emozioni.

Esplora le risposte emotive

Per arrivarci, abbiamo dovuto prima comprendere il rapporto tra arte ed emozioni. Nel 2022, Sébastien Tremblay, professore alla Facoltà di Scienze Sociali dell'Università Laval e direttore del Laboratorio Co-DOT, ha diretto un progetto di ricerca per esplorare le risposte emotive evocate dalle opere d'arte. Un centinaio di volontari hanno visitato le sale espositive del MNBAQ, dotate di apparecchiature in grado di registrare le loro emozioni.

“Abbiamo chiesto ai partecipanti di identificare i propri sentimenti attraverso misurazioni auto-riferite e misurate reazioni fisiologiche espresse a contatto con le opere e che potrebbero essere collegate allo spettro delle emozioni, come il movimento degli occhi, la frequenza cardiaca o anche l’inflessione della voce”, spiega il Codirettore del laboratorio.

Raccomandazioni per i governatori

Spiega che i dati raccolti nell'ambito di questa prima iniziativa favoriranno lo sviluppo di modelli di intelligenza artificiale in grado di prevedere la risposta emotiva evocata dalle opere d'arte.

“In definitiva, avremo sviluppato uno strumento in grado di consigliare al curatore una serie di opere d’arte che evocano le emozioni desiderate nell’osservatore, oltre a consentirgli di visualizzare in anticipo diversi scenari di percorso in un ambiente di realtà virtuale”, sottolinea il professor Tremblay. .

READ  100€ di sconto su questa fotocamera Sony per foto eccezionali quest'estate

“Questa nuova collaborazione con il team Co-DOT fornirà nuovi strumenti a disposizione dei nostri team di progettazione, strumenti che renderanno possibili nuovi approcci all'evoluzione delle esperienze che offriamo ai nostri visitatori”, osserva Annie Bérubé, responsabile del servizio di intermediazione presso MNBAQ. Per lei, questa collaborazione arriva sulla scia di un decennio di innovazioni che hanno influenzato l’esperienza museale.

Iniziativa multidisciplinare

Sébastien Tremblay ha riunito attorno al progetto un team interdisciplinare – con la partecipazione del professor Audrey Durand, del professor Jean-François Lalonde e Denis Laurendeau della Facoltà di Scienze e Ingegneria, del professor Philippe Jackson della Facoltà di Scienze Sociali, nonché del contributo di esperti OVA nella fase iniziale.

«Il nostro obiettivo è sfruttare tecnologie e conoscenze specializzate nei campi dell’intelligenza artificiale, della visione artificiale, della realtà virtuale, della museologia e della psicologia cognitiva», spiega il professor Tremblay.

Il progetto durerà tre anni ed è finanziato per un importo di 365.220 dollari dall'Alliance Program del National Science and Engineering Research Council of Canada (NSERC) e da Prompt.