Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Critérium du Dauphiné: Wout van Aert alza le braccia al cielo e si sorprende e si riprende la maglia gialla

Il belga pensava di aver vinto, ma è arrivato secondo dietro a Gaudo. Tuttavia, è il comandante in capo.

Tempo di lettura: 2 minuti

IlIl francese David Godot (Groupama-FDJ) ha vinto martedì la terza tappa del Critérium du Dauphiné tra Saint-Paulien e Chastreix-Sancy (169 km). In secondo luogo, Wout van Aert (Jumbo-Visma) ha ripreso la maglia gialla che aveva lasciato lunedì davanti ad Alexis Vuillermoz (TotalEnergies).

Un gruppo di quattro corridori ha iniziato oggi la fuga con l’israeliano Omar Goldstein (Israel-Premier Tech), il danese Jonas Wilsly (Uno-X), il francese Thomas Champion (Cofidis) e l’austriaco Sebastian Schönberger (B&B-KTM). Tuttavia, Goldstein abbandonò presto i suoi compagni rinnegati per tornare a Peloton.

Alla Côte de Saint-Vert, prima difficoltà della giornata, Alexis Gougeard, Miguel Heidemann e Pierre Rolland, tre suoi compagni di squadra di Schönberger, sono usciti dal gruppo per unirsi alla fuga a 105 km dal traguardo.



Durante la salita alla Côte de Besse-en-Chandesse, il disertore perse in rapida successione Heidemann e Gougeard.

Gli ultimi tre sopravvissuti, Wellesley, Roland e Schönberger, sono andati vicini alla salita finale, la salita Chastrix-Sansi (6,2 km al 5,6%), un minuto prima del Peloton.

La fuga si è conclusa a 4 chilometri dalla linea, mentre Jumbo Visma ha stabilito il ritmo del gruppo. Il ritmo dell’impossibilità della maglia gialla di Alexis Voilerams a seguire.

In uno sprint, Wout van Aert è decollato dalla distanza. Il campione belga pensava di vincere, ma David Gaudo lo ha superato sul filo. Il francese Groupama-FDJ, 25 anni, ha ottenuto il nono successo in carriera e il secondo della stagione. Terzo il suo connazionale Victor Lafay (Cofidis).

Van Aart si consolerà con la maglia gialla che ha recuperato. Ha 6 secondi di vantaggio su Gaudo e 12 secondi su Lafay. Venti corridori, tra cui Primoz Roglic, la seguono in 16 secondi.

Mercoledì, la quarta tappa sarà disputata sotto forma di una cronometro di 31,9 km tra Montbriçon e La Bâtie d’Urfé.



Il Critérium du Dauphiné si conclude domenica. Il britannico Richie Porte è il campione in carica.

READ  Nieuwsblad e Paris-Nice lanciano la stagione di Wout van Aert, nessuna Strade Bianche ma un 'monumento' in vista