Giugno 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Conforto psicologico. Ipertensione: l’esercizio fisico può salvarti la vita!

Conforto psicologico.  Ipertensione: l’esercizio fisico può salvarti la vita!

L’ipertensione arteriosa silente è generalmente la malattia cronica più comune in Francia. Come suggerisce il nome, è caratterizzato da una pressione sanguigna molto alta, che apre le porte a molte complicazioni cardiovascolari, cerebrovascolari o neurodegenerative (infarto del miocardio, ictus, morbo di Alzheimer, ecc.).

Nella gestione della pressione alta, lo stile di vita gioca un ruolo molto importante. Una dieta equilibrata e il fatto di non fumare, ovviamente. Ma non solo. Anche lo sport è importante.

La prova di ciò è uno studio finlandese che è durato più di 30 anni. Tutto è iniziato tra il 1984 e il 1989. Gli scienziati hanno reclutato più di 2.000 uomini di età compresa tra 42 e 61 anni. Da allora, sono state effettuate misurazioni regolari della pressione sanguigna e dell’idoneità cardiorespiratoria, ovvero il massimo consumo di ossigeno durante lo sforzo. Ciò ha permesso agli scienziati di dividere i partecipanti in quattro gruppi:

– quelli con pressione arteriosa normale ed elevata forma fisica;

– quelli con pressione arteriosa normale e scarsa forma fisica;

Coloro che hanno la pressione alta ma sono in buona forma fisica;

– E quelli che soffrono di ipertensione con scarsa forma fisica.

“Una buona condizione fisica non elimina il rischio di morte…ma lo riduce”

Durante il follow-up, durato fino al 2018, sono stati registrati 644 decessi per malattie cardiovascolari. Non sorprende che gli uomini con pressione alta che non esercitavano avevano più del doppio del rischio di morte cardiovascolare rispetto a quelli del primo gruppo.

Per quanto riguarda i partecipanti con pressione sanguigna più alta ma livelli più elevati di forma fisica, erano già a maggior rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. Ma molto meno delle loro controparti sedentarie.

READ  Modi per organizzare al meglio il sistema sanitario

Secondo gli autori, “Una buona condizione fisica non elimina l’aumento del rischio di mortalità cardiovascolare negli uomini ipertesi…ma lo riduce. Il controllo della pressione arteriosa dovrebbe rimanere un obiettivo nei soggetti ipertesi. Questo grazie all’attività fisica regolare”. “

Per essere in buona forma, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda di fare “almeno 150 minuti di attività di resistenza di intensità moderata o 75 minuti di attività di intensità sostenuta” durante la settimana. Da dieci a venti minuti al giorno, non bere nemmeno il mare! E semplici gesti possono fare la differenza: andando al lavoro, scendere dalla stazione prima di fermarsi, parcheggiare vicino al posto di lavoro o a casa, usare le scale invece dell’ascensore, in ufficio, alzarsi e camminare regolarmente…

Fonte: Giornale europeo di cardiologia preventiva