Maggio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Che fine hanno fatto i tagli alla produzione di petrolio che la Russia ci minacciava? – Lavoro mattutino

Che fine hanno fatto i tagli alla produzione di petrolio che la Russia ci minacciava?  – Lavoro mattutino

All’inizio di febbraio, la Russia ha minacciato di tagliare la sua produzione di petrolio di 500.000 barili al giorno. Sei settimane dopo, questa minaccia ha avuto scarso effetto.

Perché questo è importante?

La Russia esportava grandi quantità di petrolio in Europa prima della guerra in Ucraina. Tuttavia, da quando a dicembre è entrato in vigore un divieto europeo sul greggio offshore russo, seguito a febbraio da un divieto sui prodotti petroliferi come il diesel e un tetto massimo del prezzo da parte del G7, il Cremlino ha perso uno sbocco essenziale. Per questo, ha detto, ha dovuto tagliare la produzione, il che avrebbe sconvolto il mercato globale, ma finora non si è notato.

Nelle news: Secondo un’analisi, le esportazioni russe di petrolio greggio mostrano pochi segni di rallentamento nonostante i tagli alla produzione annunciati bloomberg.

  • La scorsa settimana la Russia ha esportato circa 3,11 milioni di barili di petrolio al giorno. Questa è la sesta settimana consecutiva che il Paese ha esportato più di 3 milioni di barili. Tuttavia, la scorsa settimana potrebbe essere registrato un leggero calo di 123.000 barili.
  • Avversario professionista