Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

British Petroleum annuncia la vendita delle proprie attività all’italiana ENI

AA/Alger/Aksil Ouali

Il gruppo petrolifero britannico British Petroleum (BP) lascia l’Algeria dopo 30 anni di attività. In un comunicato stampa pubblicato mercoledì sul suo sito ufficiale, il gruppo italiano ha annunciato di aver “accettato la vendita delle sue operazioni a monte” a Eni.

“BP ha annunciato oggi di aver accettato di vendere a Eni le sue attività upstream in Algeria, comprese le sue partecipazioni nelle concessioni di produzione del gas di In Amenas e In Salah (sud-est dell’Algeria, ndr)”, si legge nella nota della società. Documento.

Il gruppo britannico, nell’ambito della joint venture, è associato a Sonatrac ed Equinor, secondo lo stesso comunicato, «45,89% ad Amenas e 33,15% a Sala».

Le proprietà “In Amenas” e “In Salah”, gestite da Sonatrac ed Equinor, si trovano a sud del Sahara e la produzione del gas e dei liquidi associati è iniziata rispettivamente nel 2006 e nel 2004. Nel 2021 hanno prodotto circa 11 miliardi di m3 di gas, 12 milioni di barili di condensato e GPL”, ha affermato BP.

Citata nel comunicato stampa, Anja-Isabel Dodzenrath, vicepresidente esecutivo di BP, gas a basse emissioni di carbonio ed energia, ha descritto l’operazione come “una buona decisione per il suo gruppo, per Eni e per l’Algeria”. “BP ha lavorato con successo con l’Algeria ei nostri partner per oltre 30 anni, sviluppando e supportando operazioni su due importanti progetti gas per il Paese. “Riteniamo che questo accordo rappresenti un buon risultato per Bp ed Eni e per l’Algeria”, ha affermato il funzionario.

Da parte sua, Karim Alaa, vicepresidente senior di BP per Egitto, Algeria e Libia, ha confermato che Eni “sarà ben posizionata per lavorare con i partner e il governo” in Algeria, secondo lo stesso documento.

READ  VIDEO. Un international italiano fait and demand après le match face à l'cosse

“Siamo molto orgogliosi di ciò che BP ha realizzato in Algeria nel corso degli anni e apprezziamo il sostegno del governo durante questo periodo. “Con la sua significativa presenza in Algeria e nella regione più ampia, riteniamo che Eni sarà ben posizionata per lavorare con i partner e il governo mentre continuano a portare avanti queste risorse”, ha sottolineato.

– L’accordo è soggetto all’approvazione del governo

Secondo la stessa fonte, le due società “hanno già informato i partner interessati e le agenzie governative algerine del loro accordo”. “La transazione è soggetta alle approvazioni del governo, ai processi di prelazione dei partner e ai processi di autorizzazione dei concorrenti”, ha aggiunto la stessa fonte.

Da parte sua, il gruppo italiano ha sottolineato che “questa acquisizione ha un grande valore strategico per contribuire ulteriormente al fabbisogno di gas dell’Europa e rafforzare ulteriormente la presenza di Eni in Algeria, importante produttore di gas e Paese chiave per Eni”.

“L’operazione di oggi consentirà di aumentare il proprio portafoglio di asset nel Paese e, insieme ai nuovi contratti Perkin Sud e Block 404/208 recentemente firmati, consentirà nuove opportunità di sviluppo integrato, principalmente focalizzate sull’aumento della produzione di gas”, lo stesso gruppo ha continuato in una dichiarazione.

Ricordiamo che la BP ha già espresso da anni il desiderio di lasciare l’Algeria, ma il disinvestimento dei suoi beni è stato rallentato dalla legge locale, che conferisce al gruppo pubblico Sonatrac diritti di prelazione.


Solo una parte dei dispacci che l’Agenzia Anadolu trasmette ai suoi abbonati attraverso il Sistema di Trasmissione Interna (HAS) sono trasmessi in forma abbreviata sul sito web di AA. Contattaci per iscriverti.

READ  Worldline supportato da Nexi o dal tropismo italiano CAC 40's