Agosto 11, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Astronomia: perché ci sono così tanti voli lunari nel 2022?

diritti d’autore della foto, Getty Images

commenta la foto,

Il 2022 dovrebbe essere un grande anno per l’esplorazione lunare

Quest’anno vedrà molte missioni sulla luna, dopo un anno di riposo nel 2021 senza sbarchi sulla luna.

La NASA lancerà il proprio programma Artemis e sponsorizzerà una serie di altre missioni per fornire attrezzature e rifornimenti sulla Luna per l’utilizzo da parte dei futuri astronauti.

Anche India, Giappone, Russia, Corea del Sud ed Emirati Arabi Uniti lanceranno quest’anno missioni sulla luna e, insieme ai paesi, un certo numero di aziende si affretterà a raggiungere il satellite terrestre quest’anno.

Tutti questi voli spaziali senza equipaggio getteranno le basi per una presenza umana permanente sulla Luna in meno di dieci anni.

Da leggere in esclusiva su BBC Africa:

Ma questo non è l’obiettivo finale: l’installazione di una stazione spaziale sulla superficie lunare è solo un passo verso le missioni con equipaggio sul pianeta rosso, Marte.

L’astrofisica dell’Università di Bristol, la dott.ssa Zoe Lienhardt, crede che quest’anno segnerà l’inizio di una nuova corsa allo spazio che coinvolge nuove nazioni.

Mentre molte di queste missioni sono finalizzate allo studio della luna stessa, alcune hanno aspirazioni più ambiziose.

“Le missioni sulla Luna sono una prova del concetto e un’opportunità per testare nuove tecnologie e collaborare”, afferma il dott. Leinhardt.

In cosa consiste ogni compito e qual è il suo scopo? Ecco cosa aspettarsi sulla luna quest’anno:

La NASA e la missione Artemis Capstone-1

L’ambizioso programma spaziale Artemis della NASA mira a riportare le persone sulla Luna entro il 2025.

Il prossimo marzo, la missione Artemis-1 inizierà a gettare le basi per questo ambizioso obiettivo.

Il ruolo di Campos sarà quello di testare la tuta spaziale che gli astronauti di Artemis utilizzeranno durante il lancio, il rientro atmosferico e altre fasi dinamiche delle loro missioni.

Il nuovo Space Launch System (SLS) della NASA, il razzo più potente del mondo, lancerà la missione e farà volare la navicella spaziale Orion intorno alla luna per testare la sicurezza del veicolo con equipaggio.

La NASA esaminerà più da vicino i dati dello scudo termico di Orion mentre entra nella Terra a una velocità elevata di quasi 2.760 gradi Celsius.

Quest’anno vedrà anche un’altra parte importante del programma Artemis raggiungere un traguardo.

diritti d’autore della foto, Getty Images

commenta la foto,

La navicella spaziale Orion è la prima tappa della missione lunare Artemis della NASA

Capstone – Operazioni con tecnologia GPS autonoma Cislunar ed esperienza di navigazione – est la Mission exploratoire du program Artemis.

La NASA lancerà un satellite delle dimensioni di un microonde, o CubeStat, la navicella spaziale Capstone, sempre nel marzo 2022, per testare un’orbita centrale lunare, in orbita con la Luna mentre orbita attorno alla Terra.

L’obiettivo è garantire la sicurezza degli astronauti sui voli futuri.

L’obiettivo finale è Marte

Le informazioni che verranno ottenute attraverso questo test aiuteranno a convalidare i modelli operativi di un’altra componente chiave del programma Artemis: il portale.

La NASA lo descrive come un “avamposto lunare multiplo che fornisce un supporto essenziale per il ritorno a lungo termine degli umani sulla superficie lunare”.

Se tutto va come previsto, Artemis-3 dovrebbe consentire il primo sbarco lunare nel 2025 dalla missione Apollo 17 nel 1972. La missione dovrebbe includere anche la prima astronauta donna e la prima persona di colore ad atterrare sulla luna.

“Le missioni dei robot sulla Luna sono uno dei primi passi di questa tabella di marcia, che porterà a una stazione spaziale lunare, a una base lunare e, infine, a missioni con equipaggio su Marte”, spiega.

Missioni di India, Giappone e Emirati Arabi Uniti

Anche altri paesi e aziende stanno guardando alla luna quest’anno.

Alcuni condurranno ricerche e altri forniranno forniture e attrezzature.

Due anni dopo il fallimento del primo allunaggio, l’Indian Space Research Organisation (ISRO) sta pianificando una missione di esplorazione lunare chiamata “Chandrayaan-3”. Una navicella spaziale che trasporta un lander lunare e un lander fisso sarà lanciata nel terzo trimestre del 2022.

Il Giappone ha due progetti ambiziosi sulla luna quest’anno.

La Japan Aerospace Agency (JAXA) prevede di lanciare un lander lunare nell’aprile 2022.

Chiamato SLIM (Smart Lander for Lunar Investigation), dimostrerà precise tecniche di atterraggio lunare e identificherà i crateri lunari applicando la tecnologia dei sistemi di riconoscimento facciale. A bordo ci sarà anche il telescopio spaziale XRISM (X-ray Imaging and Spectroscopy Mission).

La compagnia spaziale giapponese, ispace, invierà anche un lander sulla Luna nella seconda metà del 2022. La missione 1 (M1) fa parte del programma commerciale di esplorazione lunare di JAXA, “Hakuto-R”, come parte dei due progetti. Gli esploratori Android verranno pubblicati.

Uno di questi, costruito da JAXA, è un piccolo rover a due ruote che esplorerà la superficie lunare. Un altro rover che sarà pubblicato dalla compagnia giapponese è degli Emirati Arabi Uniti chiamato Rashid.

È un veicolo a quattro ruote incaricato di testare il suolo lunare.

La missione Luna 25 della Russia e il rover lunare Pathfinder della Corea del Sud

diritti d’autore della foto, Getty Images

commenta la foto,

La navicella spaziale russa Luna 25 atterrerà al polo sud della luna

Sarà la prima missione del paese sulla superficie lunare in 45 anni e la prima ad atterrare sul polo sud della luna. Questa è la regione che la NASA prevede per le missioni con equipaggio sulla Luna.

L’agenzia spaziale russa Roscosmos prevede di lanciare nel luglio 2022.

L’agenzia spaziale sudcoreana, il Korea Aerospace Research Institute, lancerà il rover Korea Lunar Pathfinder (KPLO) sulla luna un mese dopo, nell’agosto 2022.

KPLO studierà la superficie lunare e aiuterà a pianificare le future missioni ai poli lunari.

Robot commerciali della NASA

Anche le aziende private partecipano a Moon Rush.

Nell’ambito di un programma della NASA chiamato Commercial Lunar Payload Services (CLPS), le aziende competeranno per fornire servizi di trasporto sulla superficie lunare.

Intuitive Machines, con sede a Houston, vuole utilizzare un robot lunare a sei zampe chiamato Nova-C per trasportare carichi utili sulla superficie lunare all’inizio del 2022.

Una missione successiva sarà lanciata da Astrobotic Technology con sede in Pennsylvania a metà del 2022. La missione Peregrine 1 della società trasporterà i carichi utili della ricerca scientifica utilizzando un lander a quattro zampe a forma di scatola.

Qual è lo scopo di queste missioni?

Sargent afferma che molti di loro si concentreranno sull’ambiente lunare, con l’obiettivo di trovare modi per proteggere gli equipaggi e le attrezzature da qualsiasi cosa pericolosa, come la polvere lunare e gli intensi venti solari.

Le missioni daranno inoltre agli scienziati l’opportunità di testare prototipi di apparecchiature ed esperimenti che possono utilizzare per generare risorse come l’acqua.

“Vogliamo assicurarci che queste macchine siano attive e funzionanti prima di inviare i nostri equipaggi sulla luna, il che dipenderà dalle preziose risorse che generano”, afferma il dott. Sargent. “In definitiva, queste risorse potrebbero essere utilizzate per produrre il carburante necessario per le missioni su Marte”.

“La Luna funge anche da banco di prova per le tecnologie che vorremmo utilizzare un giorno sul Pianeta Rosso. È molto più vicino a noi, a soli tre giorni di distanza, piuttosto che ai sei mesi minimi per arrivare su Marte”.