Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alla fine, l’universo non si farà a pezzi

Alla fine, l’universo non si farà a pezzi

teoria Il grande strappo [le «grand déchirement» en français] L'universo ha mantenuto uno scenario piuttosto poco ottimistico: tutte le strutture, dagli ammassi di galassie agli atomi, sono condannate alla distruzione, estendendosi attraverso un'espansione sempre più grande che porta alla rottura.

Ma state tranquilli: segnate 243H Riunione dell'Unione Astronomica Americana a New Orleans, Nuovi conti È stato pubblicato prima Indagine sull'energia oscura (DES)Un programma internazionale il cui obiettivo è disegnare una mappa dell'universo per comprendere meglio la natura dell'universo Energia oscura. La nuova procedura in questione spiega quest'ultima e quindi esclude la teoria Il grande strappo.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter quotidiana di Slate.fr e non perdere mai un articolo!

Sostengo

Secondo le stime, il nostro universo visibile è costituito per circa il 70% da energia oscura. Dalla sua scoperta nel 1998, sappiamo che il suo impatto principale è (molto) diffuso Per accelerare l'espansione dell'universo. Tuttavia, se potessimo misurare questa energia oscura, sarebbe molto difficile classificarla con precisione.

Fino ad ora, la natura dell’energia oscura è rimasta un mistero. Nello specifico, è il parametro “w” che è rimasto a lungo sfuggente agli scienziati di tutto il mondo. Con “w”, dobbiamo capire “Equazione di stato”. In fisica ciò corrisponde al rapporto tra pressione e densità energetica della materia. Certamente tutto nel nostro mondo ha un’equazione di stato, ma resta da determinare. Calcolare questo valore costituisce quindi il primo passo essenziale per comprendere la vera natura dell’energia oscura.

Risultati che sfidano le aspettative

I calcoli recentemente annunciati attribuiscono la seguente equazione di stato all'energia oscura: “w=-0,8”. Prima di loro pensavamo “w=-1” o meno. Tuttavia, più bassa è la “w”, più forte è la densità energetica dell'energia oscura e più forte la sua repulsione. In altre parole, la materia spinge altra materia, provocando una continua espansione dell’universo. Pertanto la nuova equazione di stato per l’energia oscura è più alta del previsto “sollievo”Commenti Roberto NicolòUno dei ricercatori che ha contribuito a questi calcoli.

READ  Tétanos en France : données épidémiologiques 2021

Per ottenere questi risultati gli scienziati si sono affidati ai dati raccolti dagli osservatori cosmici più avanzati, che permettono di analizzare l’infinito con una precisione senza pari. Affidandosi alle stelle che esplodono (più precisamente Supernovae termonucleari), misurare distanze più lontane che mai è diventato possibile.

Robert Nicol spiega “La differenza oggi è la dimensione e la qualità del nostro campione di supernovae. Grazie alle nuove tecniche, il team DES ha 20 volte più dati, su un'ampia gamma di distanze.

L'astronomo è anche soddisfatto degli impressionanti progressi compiuti nelle apparecchiature di osservazione, compresi i telescopi che possono farlo “Migliaia di supernovae trovate” E chi ci illumina? “Maggiori informazioni sulla natura dell'energia oscura.”