Gennaio 22, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

A New York, l’ultramaratoneta italiana ha vinto la gara di marcia più lunga e folle del mondo.

“È davvero noioso!” Andrea Margado ha tagliato il traguardo domenica sera, portando la bandiera italiana in mano, facendo 5.649 volte il giro di un campus scolastico nelle vicinanze del Queens, nel nord di New York, tra le acclamazioni della folla.

Quindi ho percorso 3.100 miglia o 4.888 km.

A 883 metri, l’incredibile atleta, quasi 39enne Superman, ha corso in media 116 km al giorno – su due maratone – per 42 giorni, 17 ore e 38 minuti. Tutti i giorni dalle 6:00 a mezzanotte.

Le restanti sei ore sono state spese da Andrea Margado e dai suoi sei rivali – un neozelandese, un taiwanese, un giapponese, un russo, un ucraino e uno slovacco – in capanne costruite per dormire, guarire, mangiare, lavarsi e rispondere alle bisogni naturali. In strada durante il test.

A parte uomini d’affari, residenti e circa 2.000 studenti delle scuole superiori nel famoso angolo del Queens noto come Giamaica, questa gara, assolutamente frenetica ma riconosciuta a livello internazionale, durerà altri otto giorni.

“Ogni giorno è lo stesso”

Per rompere il consueto e grigio colore della giungla urbana, marciapiedi di cemento e cancelli neri delle scuole superiori, sette maratoneti corrono un giorno in senso orario, il giorno dopo il contrario.

“La prima settimana è stata molto difficile, soprattutto per la mente”, concorda Andrea Margado. “Poi ti ci abitui e accetti che è lo stesso ogni giorno.”

Che piova, vento o fa caldo e umido a New York, dal 5 settembre la Thomas Edison Technical High School ticchetta circa 5.700 volte come un orologio.

L’evento è stato creato nel 1997 ed è stato intitolato “The Sri Chinmoy Self-Return 3,100 Mile Race”. Sri Chinmoy, un guru indiano che è diventato un newyorkese, è morto nel 2007.

READ  Perché il Piemonte sta diventando una location per matrimoni 100% italiana?

Ha sostenuto la combinazione di sport estremo e meditato oltre se stesso.

“Non ho pensato a niente”

Fisicamente, gli organizzatori accettano solo corridori ultramaratoneti che hanno già fatto gare identiche per almeno sei giorni. Mentalmente, Andrea Margado promette: “Con una mente concentrata, non penserai ad altro, paura, ansia, dubbio”.

“E’ stata una prova di resistenza, sforzo, perseveranza e abilità”, ha detto il direttore delle corse, Sahishnu Sesiul. Il suo flusso è di 3.100 miglia.

Per la neozelandese Harita Davis, unica donna di questa 25esima edizione, la scommessa è ovviamente fisicamente spaventosa, ma “incredibilmente, con il passare dei giorni e delle settimane, il corpo si adatta e si rafforza”.

A 47 anni, sta correndo per “diventare una creatura migliore”. Ascolta musica, audioromanzi e lezioni di meditazione. Harita Davis dovrebbe completare la distanza prima della scadenza del 26 ottobre.

Senza soldi

Altri newyorkesi, che hanno perso lo spettacolo a causa di un’epidemia che ha messo fuori combattimento la città nel 2020, a volte non capiscono cosa sta succedendo: “Vivo qui, ma non so se questa è una scommessa. Ho sempre pensato. Fare jogging”, ride Giulio Cusada.

Cosa guadagna il vincitore Andrea Margado dopo aver perso migliaia di calorie al giorno e 16 paia di scarpe? Un file ma niente soldi, promettono gli organizzatori.

“E’ completo, è il mio sogno e l’ho realizzato”, dice l’italiano, dipendente di un’azienda agroalimentare.

Ma Harita Davis avverte che inizia la parte difficile: “un ritorno alla vita normale”.