Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Università di Oxford: l’uso di Internet non è dannoso per la salute mentale

Università di Oxford: l’uso di Internet non è dannoso per la salute mentale

Non esiste alcuna relazione scientifica tra l’uso di Internet e il livello di salute mentale nella società. Lo dimostra chiaramente un ampio studio internazionale condotto dall’Università di Oxford.

Gli scienziati hanno confrontato il numero di connessioni Internet mobili e a banda larga con studi sulla salute e il benessere mentale. Lo studio ha analizzato i dati di due milioni di persone di età compresa tra 15 e 89 anni in almeno 168 paesi.

Non ci sono prove conclusive…

Ma gli scienziati hanno trovato solo collegamenti limitati e incoerenti: insufficienti, in ogni caso, a sostenere la teoria secondo cui Internet causa diffusi danni psicologici o migliora la salute mentale.

“Abbiamo cercato con molta attenzione prove convincenti, un segno che la tecnologia e la salute mentale siano collegate, ma non abbiamo trovato nulla”, afferma il professore di psicologia Andrew Przybylski.

Secondo i ricercatori, anche filtrando i dati per fascia di età e sesso, non è possibile evidenziare tendenze specifiche. “Abbiamo esaminato attentamente se ci fosse qualcosa di speciale in termini di età o sesso, ma non ci sono prove a sostegno dell’idea comune secondo cui alcuni gruppi sono più a rischio”, afferma Przybylski. Se esiste un collegamento, si tratta di un leggero miglioramento nel senso di benessere delle donne.

…Ma sono necessari più dati

Tuttavia, gli scienziati rimangono cauti: per garantire che non vi sia alcun collegamento con la salute mentale, le aziende tecnologiche devono condividere più dati.

“La ricerca sugli effetti delle tecnologie Internet è in fase di stallo, perché i dati richiesti vengono raccolti da aziende tecnologiche e piattaforme online e conservati a porte chiuse”, afferma lo studio.

“È essenziale studiare i dati sull’adozione individuale e sull’interazione con le tecnologie basate su Internet in modo più dettagliato e con maggiore trasparenza. Questi dati esistono e vengono costantemente analizzati dalle società tecnologiche globali per scopi di marketing e di miglioramento dei prodotti, ma sfortunatamente non sono accessibili per ricerca indipendente”.

READ  Coincidenza e fortuna. Incrociare un amico dall'altra parte del mondo, è sorprendente?