Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un iceberg lungo un chilometro si schianta contro un rifugio di pinguini

Un iceberg lungo un chilometro si schianta contro un rifugio di pinguini

Un enorme iceberg, lungo circa 72 km e largo 20 km, si è recentemente scontrato con un rifugio di pinguini in Antartide. Fortunatamente gli animali non erano presenti al momento dello scontro.

Un iceberg colpisce l’isola di Clarence

E Iceberg incagliato Si tratta di un tipo speciale di iceberg che si caratterizza per la sua forma piatta e massiccia, che ricorda un’enorme tavola di ghiaccio galleggiante. A differenza dei classici iceberg che hanno una forma irregolare e appuntita, questi hanno Lati verticali quasi simmetrici. Questi iceberg sono solitamente formati dalla calotta glaciale antartica.

La struttura qui discussa rappresenta il pezzo più grande rimasto del D-28. Questo enorme iceberg si è spezzato vicino alla piattaforma di ghiaccio Borchgrevink nell’Antartide orientale prima di rompersi in due. Da allora, il D-30 si è lentamente spostato verso ovest. Ma alla fine del 2022, l’iceberg ha improvvisamente cambiato rotta e si è diretto verso di esso Isola di Clarencel’isola più orientale delle Isole Shetland Meridionali, ha un’area circa dieci volte più piccola della struttura del ghiaccio Più di 70 chilometri.

Il 6 settembre, l’enorme placca colpì finalmente la costa meridionale dell’isola prima di invertirsi. Tuttavia, Clarence Island è un importante sito di riproduzione Sottogola pinguini (Pygocelis Antartide). In effetti, si stima che approssimativamente 100.000 coppie riproduttrici Frequentano questo lembo di terra ogni inverno per deporre e incubare le uova.

Le immagini satellitari time-lapse mostrano l’iceberg D-30A che colpisce e poi ruota attorno all’isola di Clarence in Antartide. Crediti: NASA/EOSDIS Visione del mondo

Più bene che male?

Naturalmente i ricercatori temevano che questa collisione avrebbe avuto conseguenze su queste popolazioni. Fortunatamente gli uccelli che vi si riproducono non sono ancora tornati nella colonia. Heather Lynch, ecologista statistica presso la Stony Brook University di New York, NB Che la successiva collisione avrebbe potuto essere più pericolosa per i pinguini.

READ  Salute elettronica - 64% delle app non valutate bene - Notizie

Infatti, gli iceberg che entrano in collisione con le isole possono rimanere incastrati sul fondale marino vicino alla costa, con conseguenze disastrose. Gravi conseguenze per l’ecosistema marino. In particolare, questi iceberg possono bloccare l’accesso degli animali marini al mare, impedendo loro di nutrirsi, riprodursi o migrare come fanno normalmente. La presenza di queste strutture può modificare anche la temperatura e la salinità dell’acqua circostante a cui sono abituati animali e piante. Infine, gli iceberg possono anche scalfire il fondale marino, danneggiando le specie che frequentemente si trovano in queste zone, come coralli, spugne e altri organismi bentonici.

Qui, il fondale marino che circonda Clarence Island potrebbe aver contribuito a evitare il disastro a causa della sua profondità. Inoltre, questo incontro ravvicinato può essere benefico per la fauna selvatica locale. Secondo i ricercatori, è probabile che l’iceberg si sia formato a causa dell’attrito con l’isola Privo di acqua disciolta ricca di ferro. Tuttavia, può incoraggiare una maggiore crescita di alghe nella zona.

Il D-30A si sta ora dirigendo verso il Passaggio di Drake, il che significa che è già condannato. Le correnti oceaniche in questa regione trasportano gli iceberg verso acque più calde.