Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Ungheria blocca il consenso dell’Ucraina sull’adesione all’Unione Europea: il ministro degli Esteri ucraino è preoccupato

L’Ungheria blocca il consenso dell’Ucraina sull’adesione all’Unione Europea: il ministro degli Esteri ucraino è preoccupato

Ha insistito: “Abbiamo fatto la nostra parte nel lavoro. Ci aspettiamo che l’Unione europea faccia la sua parte!”

Budapest continua a rifiutarsi di permettere ai 27 paesi di aprire negoziati per l’adesione dell’Ucraina, considerando che questo paese, in guerra con la Russia, non è pronto. Il suo primo ministro Viktor Orban chiede una “discussione strategica” prima di prendere qualsiasi decisione quando la maggior parte dei paesi europei e la Commissione europea ritengono che questa decisione sia già stata presa.

Kiev si aspetta inoltre che l’Unione Europea continui a sostenere lo sforzo bellico e spera di fornire aiuti per un valore di 50 miliardi di euro sotto forma di sovvenzioni e prestiti, oltre agli aiuti militari per un valore di 5 miliardi di euro.

Ma anche in questo caso l’Ungheria insiste nel suo rifiuto, nonostante la forte pressione dei suoi partner.

Il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis ha dichiarato: “Dobbiamo prendere decisioni strategiche e impegnarci per ottenere la vittoria dell’Ucraina. Se non lo facciamo, il prezzo sarà incredibilmente alto”.

“Gli ucraini possono dare agli europei l’energia per lottare per la democrazia”, ​​afferma Oleksandra Matveychuk.

“deplorevole”

Il capo della diplomazia europea Josep Borrell ha dichiarato: “Spero che l’unità dell’Unione europea non venga spezzata, perché ora non è il momento di indebolire il nostro sostegno all’Ucraina”.

“La posizione dell’Ungheria si è rivelata davvero infelice”, ha detto più direttamente il ministro degli Esteri finlandese Elena Valtonini.

L’opposizione mostrata dall’Ungheria preoccupa e lascia perplessi molti paesi europei che ne mettono in dubbio le motivazioni sottostanti.

Charles Michel, presidente del Consiglio europeo, l’istituzione che riunisce gli Stati membri dell’UE, il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, il cui paese detiene la presidenza semestrale dell’UE, hanno tutti cercato di fare del loro meglio. Per convincere Viktor Orban della necessità di sostenere l’Ucraina e impedire al presidente russo Vladimir Putin di vincere la sua “guerra di aggressione”.

READ  Presidenza Usa 2024: Vivek Ramaswamy, l'uomo d'affari scettico sul clima che capovolge le primarie Usa

Lunedì il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha invitato i suoi partner europei a inviare un “messaggio di unità” a Vladimir Putin riguardo al sostegno all’Ucraina.

La guerra in Ucraina ravviva l’interesse per l’integrazione balcanica: ‘L’Ue c’è, ma un po’ tardi’

Invano per ora.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha incontrato Viktor Orban a Buenos Aires questo fine settimana, a margine dell’insediamento del nuovo presidente argentino Javier Miley.

Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjártó ha denunciato lunedì a Bruxelles la “straordinaria pressione esercitata a livello politico e mediatico” per spingere l’Ungheria ad accettare l’inizio dei negoziati per l’adesione dell’Ucraina all’Unione europea. “Questo è inaccettabile!”, ha insistito, ribadendo che, a suo avviso, Kiev non soddisfa le condizioni necessarie.

Molti paesi europei vogliono ancora credere al bluff di Budapest, che prevede che i suoi partner pagheranno quasi 22 miliardi di euro congelati a causa delle violazioni dello Stato di diritto.

Dieci miliardi di euro potrebbero essere sbloccati questa settimana, prima dell’inizio del vertice europeo di giovedì.

Kiev ha anche adottato la legge per la protezione dei diritti delle minoranze in Ucraina, compresa quella ungherese, che Budapest ha richiesto prima di qualsiasi accordo sull’apertura dei negoziati di adesione, ha confermato lunedì Kuleba.

Ma non è detto che ciò basterà a convincere Viktor Orbán, che qualche timore andrà fino in fondo.

Il ministro lituano Gabrielius ha detto con amarezza: “L’unico modo in cui leggo la posizione ungherese, e non solo riguardo all’Ucraina, è che è contro l’Europa e tutto ciò che l’Europa rappresenta”.