Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’impressionante trasformazione di Luis Obinda: “Ora non ho più dubbi”

L’impressionante trasformazione di Luis Obinda: “Ora non ho più dubbi”

Per quattro anni è stato il miglior marcatore attivo belga nei primi dieci tornei. Con 58 gol, ha dieci gol in più di Romelu Lukaku in questo periodo. Un risultato quando sappiamo che Big Room ha avuto una stagione difficile con l’Inter nel 2020/2021. Soprattutto, all’ex giocatore del Brugge ha lasciato solo le briciole in Nazionale.

Possiamo anche dire senza troppi problemi che il numero nove, tra Vitesse, Lens e ora Lipsia, ha avuto la traiettoria più impressionante. Anche il più inaspettato. Tutti sanno che il piccolo formato tascabile ha dovuto affrontare momenti difficili all’inizio della sua carriera. Tra l’incoerenza e il disinteresse del Club Brugge, era difficile prevedere che la squadra sarebbe diventata la macchina da gol che è oggi. “L’inizio della mia carriera al Club Brugge è stato difficile”.ha ammesso l’attaccante a Sportweekend sul canale Sporza. “Quando ero bambino, mi sono ritrovato in un gruppo di professionisti e mi chiedevo ad alta voce se fossi abbastanza bravo per giocare con loro. Di fronte a decine di migliaia di persone. La pressione era grande”.

Red Devils: Nuova situazione in saccoccia per Obinda, Doko e Bakayoko

Questo potrebbe essere troppo per un bambino così vicino alla sua famiglia e soprattutto a sua madre. “Mia madre è davvero la persona più importante al mondo per me. Quando ero giovane, ero orgoglioso di essere suo figlio. Oggi, voglio che anche lei sia orgogliosa di ciò che ha realizzato. Mi motiva sapere che lei è in campo a fare il tifo per me”.“, spiega ai nostri colleghi.

Con undici gol in quindici partite di questa stagione tra C1 e Bundesliga, l’attaccante sta a galla. Oggi, a differenza dell’inizio della sua carriera, si sente semplicemente a casa. “Ora non ho più dubbi. So che tutto è possibile quando stabilisco un goal. A volte ho una premonizione prima della partita. Mi sveglio e mi dico: ‘Oggi segnerò’.

READ  Secondo classificato "progettato" per la Mercedes: Leclerc fatalista ma grato, Russell sollevato

Luis Abinda “È diventato il miglior attaccante del mondo”

Negli ultimi tre anni il giocatore si è sempre distinto nelle squadre in cui ha giocato. Al punto da diventare una pedina fondamentale. Tutti conoscono l’ultima tappa: i Red Devils. Per farlo dovrà superare il Monte Lukaku. Non è facile perché Big Rom è estremamente competente sotto l’etichetta nazionale e non ha mai deluso. Nel suo angolo, Luis Obinda continua a lavorare per cogliere l’occasione quando sarà il momento. “Devo ancora migliorare tutto. È diventato più pieno sia nella testa che nella sinistra. Posso migliorare, sia nei miei punti di forza che nelle mie debolezze, per fare un altro passo.

Con Simons, Luis Obinda ha ritrovato il suo nuovo migliore amico: “Miglioreremo ancora di più il nostro rapporto”.

Una cosa è certa, l’attaccante ha ambizione. “Voglio essere uno dei migliori attaccanti al mondo e il capocannoniere della Bundesliga. Voglio arrivare il più lontano possibile”.

Salvo infortuni, l’attaccante dovrebbe vivere il primo Europeo della sua carriera con i Devils. Il percorso che intraprende sembra soddisfarlo. “In Nazionale abbiamo dimostrato di avere una squadra molto completa. In tutti gli ambiti del gioco abbiamo qualità. Saremo pronti per gli Europei”.