Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Vallonia “giudice e partito” nel progetto dell’impianto di biotrattamento di Outrage?

La Vallonia “giudice e partito” nel progetto dell’impianto di biotrattamento di Outrage?

Il progetto non ha ancora visto la luce e molti residenti sperano che non venga mai realizzato. Tuttavia, Cryo Advise è più speranzosa che mai di costruire un impianto di biometano nell’area di Hotrage. Proiettalo Ho già avuto il sostegno di Wallonie Entreprendre (WE), lo strumento economico e finanziario della Vallonia.

Infatti, solo una settimana fa, quest’ultima e il gestore del fondo Copenhagen Infrastructure Partners (CIP) hanno firmato una lettera di intenti relativa al progetto. La prima ha inoltre annunciato la volontà di acquisire una quota di minoranza, la cui entità non è stata resa nota. Per i cittadini l’annuncio ha avuto l’effetto di una bomba.

E a ragione: oggi molti di loro si chiedono come una fondazione come Wallonie Entreprendre possa sostenere un progetto del genere quando ancora non è stata rilasciata l’autorizzazione. Peggio ancora, credono che la regione Vallonia stia governando e prendendo posizione su quella che si prevede sarà già una questione controversa. Va notato che nella maggior parte dei casi, quando si tratta di un progetto del genere, i ministri valloni sono invitati a commentare i dossier.

Realizzazione di un impianto di biometano a Otraj: ogni anno si possono trattare 900mila tonnellate di rifiuti

Possiamo immaginare che Wallonie Entreprendre appoggierà Cryo Advise affinché la Vallonia, attraverso i suoi ministri, possa cambiare rotta? I cittadini non ci credono e restano più che mai convinti che le decisioni si prendono in anticipo. Ciò è negato dal ministro dell’Economia Willy Borsos (Mr.).

“Il fatto che siamo parti interessate nel dossier non influisce in alcun modo sulla decisione della Vallonia”.

“Nessun impegno è stato preso in questa fase riguardo al permesso.”Insiste. “Che siamo o meno interessati, ciò non cambia in alcun modo il caso, che del resto è oggetto di un’indagine da parte dei funzionari tecnici e dei commissari, ed eventualmente in appello, da parte mia e di Céline Tellier, sulla base di una relazione di dell’amministrazione.””

READ  "È un concetto completamente nuovo che abbiamo sviluppato nei nostri quaranta supermercati"

E per aggiungere: “Il fatto che noi, un investitore o un privato siamo coinvolti in un dossier non ha alcuna influenza sulla decisione della Vallonia.Quando contattata, Wallonie Entreprendre non ha risposto alla nostra richiesta di intervista. Dal lato della popolazione, a volte è difficile credere che la mobilitazione dei cittadini sarà sufficiente per far fallire un progetto di questa portata, ma stiamo ancora cercando di non arrenderci.

Ricordiamo che CryoAdvise Si prevede di trattare 900mila tonnellate di rifiuti all’annoSi prevede di produrre 20mila tonnellate di biogas. L’80% della malta utilizzata verrà importata dalle Fiandre. La fabbrica, che si trova a 220 metri dai residenti più vicini, funzionerà ininterrottamente 24 ore su 24, sette giorni su sette, una molestia a cui molti cittadini si oppongono fermamente. Nell’ambito dell’indagine pubblica furono inviate circa 550 lettere.