Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La navicella spaziale Starliner della Boeing si prepara al decollo con i suoi primi astronauti

Dopo anni di battute d’arresto e ritardi, lunedì è previsto il decollo per la prima volta della navicella spaziale Starliner della Boeing con a bordo gli astronauti, diretti alla Stazione Spaziale Internazionale, unendosi al club molto speciale delle astronavi che hanno trasportato esseri umani.

Boeing sta svolgendo un ruolo importante in questa missione di prova finale, che dovrebbe consentirle di dimostrare che la sua nave è sicura prima di iniziare missioni regolari sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), che è già quattro anni indietro rispetto a SpaceX.

Il decollo degli astronauti americani Butch Wilmore e Sonny Williams è previsto lunedì alle 22:34 da Cape Canaveral in Florida (martedì alle 02:34 GMT) a bordo della capsula Starliner, che sarà spinta in orbita da un razzo Atlas V dell’ULA . gruppo.

Le previsioni del tempo sembrano molto favorevoli.

Ognuno di questi veterani, entrambi della Marina americana, ha visitato due volte la Stazione Spaziale Internazionale, su uno space shuttle e poi su una navicella spaziale russa Soyuz.

Ma questa volta, “Tutto è nuovo, tutto è unico, la nave stessa, il modo in cui vola”, ha sottolineato Butch Wilmore. “Non credo che nessuno di noi oserebbe sognare di partecipare al viaggio inaugurale di una nave nuova di zecca”, ha detto felicemente.

Per la NASA, che ha richiesto questo veicolo dieci anni fa, anche i rischi sono grandi: Dana Weigel, responsabile del programma della Stazione Spaziale Internazionale, ha confermato che avere un secondo veicolo oltre a quello di SpaceX per trasportare gli astronauti americani è “molto importante”.

Questa capacità, ha spiegato, permetterebbe di rispondere meglio a “vari scenari di emergenza”, ad esempio in caso di problemi su una delle navi.

READ  Ci saranno le prime demo della console, del ray tracing e del DLSS

-Guida manuale-

Una volta nello spazio, gli astronauti guideranno temporaneamente manualmente la navicella, per convalidare il funzionamento di questa modalità.

Starliner dovrebbe quindi attraccare con la Stazione Spaziale Internazionale mercoledì intorno alle 05:00 GMT e rimanervi per poco più di una settimana. Verranno condotti nuovi test, e poi i due astronauti torneranno con lui sulla Terra.

Il successo di questa missione segnerebbe una buona conclusione al programma di sviluppo della nave, una saga segnata da spiacevoli sorprese.

Nel 2019, durante il primo test senza equipaggio, non è stato possibile rimettere la capsula sulla giusta rotta e restituirla senza raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale.

Poi, nel 2021, mentre il razzo era sulla rampa di lancio per ritentare il volo, un problema con le valvole intasate nella capsula ha portato a un altro ritardo.

La nave vuota è riuscita finalmente a raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale nel maggio 2022.

D’ora in poi, il primo volo con l’equipaggio dovrebbe consentire la certificazione della capsula, che potrà poi iniziare il suo ruolo di “taxi” verso la ISS.

La Boeing sperava di poter effettuare questo primo volo con equipaggio già nel 2022, ma i problemi scoperti tardi, in particolare con i paracadute che trattengono la capsula mentre rientra nell’atmosfera terrestre, hanno causato ancora una volta dei ritardi.

“C’erano una serie di sorprese che abbiamo dovuto superare”, ha detto il CEO di Boeing Mark Nappi in una conferenza stampa. Ma “ha reso i nostri team molto forti e orgogliosi del modo in cui hanno superato ogni problema”.

“Ci volevano dieci anni per sviluppare un veicolo spaziale per gli esseri umani”, ha aggiunto.

READ  Il rilevamento degli incidenti dovrebbe essere disabilitato in alcuni casi?

– “imbarazzato” –

Gli astronauti, come Boeing e NASA, si aspettano nuovi eventi inaspettati durante questa missione, che mira a scoprire se è rimasto un granello di sabbia.

“Nella storia del volo spaziale americano, questa sarà solo la sesta volta che gli astronauti della NASA voleranno su un nuovo veicolo spaziale”, ha affermato Jim Frey, amministratore associato della NASA.

La capsula Dragon di SpaceX si era già aggiunta a questa lista nel 2020, dopo i programmi Mercury, Gemini, Apollo e Space Shuttle.

Una volta che Starliner sarà operativo, la NASA vuole alternare i voli SpaceX e Boeing per traghettare i suoi astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale.

Nel 2014, l’agenzia spaziale ha firmato un contratto del valore di 4,2 miliardi di dollari con Boeing e di 2,6 miliardi di dollari con SpaceX per lo sviluppo di queste navi.

“Tutti pensavano che Boeing sarebbe arrivato per primo”, ha ricordato all’AFP Eric Seedhouse, assistente professore alla Embry-Riddle Aeronautical University. “SpaceX ha avuto successo molto prima che Starliner diventasse troppo imbarazzante per Boeing.”

Si prevede che la Stazione Spaziale Internazionale vada in pensione nel 2030, e sia Starliner che Dragon potrebbero quindi essere utilizzati per trasportare esseri umani verso future stazioni spaziali private, che diverse aziende stanno già pianificando di costruire.