Gennaio 24, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La NASA ha scelto i suoi prossimi 10 astronauti tra 12.000 candidati: ecco cosa aspettarsi

Lunedì sera, la NASA ha condiviso un elenco di dieci nuovi astronauti che inizieranno l’addestramento il prossimo gennaio al Johnson Space Center di Houston. L’agenzia del governo degli Stati Uniti ha selezionato tra non meno di 12.000 candidati, sei uomini e quattro donne, per “rappresentare gli Stati Uniti e lavorare per l’umanità”. L’età delle reclute variava dai 32 ai 45 anni.

Ci sono due capitani dell’Air Force (Nicole Ayers e Marcus Berrios), un tenente e un capitano e tenente comandante del Corpo dei Marines (Denise Burnham, Jack Hathaway, Jessica Wittner), un ex pilota di pista per la squadra nazionale (Christina Birch) , un pilota di ricerca della NASA ed ex capitano della Marina (Luke), Delaney, un membro della Johns Hopkins University che ha prestato servizio nella Guardia costiera degli Stati Uniti (Andre Douglas), chirurgo di volo per SpaceX (Anil Menon) e fisico medico (Christopher Williams).

È la prima classe di futuri astronauti a formarsi in quattro anni. Da gennaio 2022, inizierà due anni di formazione durante i quali i suoi membri saranno addestrati al funzionamento e alla manutenzione di sistemi complessi sulla Stazione Spaziale Internazionale, alla passeggiata spaziale e allo sviluppo di complesse abilità robotiche e all’uso sicuro di un T -38 allenatore. Dovranno anche sviluppare le loro abilità linguistiche in russo.

Solo se completano questo addestramento a un livello soddisfacente diventeranno veramente astronauti. In tal caso, potrebbero condurre missioni di ricerca a bordo della stazione spaziale, lanci dal suolo statunitense su veicoli spaziali costruiti da società commerciali, nonché missioni nello spazio profondo verso destinazioni come la luna sulla navicella spaziale Orion della NASA e il razzo Space Launch System.

READ  'È troppo': quei vaccinatori che rifiutano le iniezioni di richiamo