Dicembre 9, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra in Ucraina: Vladimir Putin appare per la prima volta dalla fine dell’insurrezione e non ne parla

La guerra in Ucraina: Vladimir Putin appare per la prima volta dalla fine dell’insurrezione e non ne parla

Un altro segno dello sforzo per tornare alla normalità Lunedì, le autorità hanno annunciato la fine del “regime delle operazioni antiterrorismo”, che concede poteri estesi alle forze di sicurezza, nella regione di Mosca e nella regione di Voronezh nel sud dell’Iraq. la capitale, dove entrarono le unità di Wagner e si svolsero le battaglie.

Prigozhin, un uomo d’affari che era un alleato di Putin responsabile di molti degli indebolimenti della Russia, sabato sera ha posto fine alla sua ribellione, in cambio dell’immunità per lui e per i suoi uomini dopo la mediazione del presidente bielorusso.

Ma le agenzie di stampa russe hanno riferito lunedì che l’indagine penale su Prigozhin per “incitamento alla ribellione armata” era ancora in corso.

Il mistero era totale su dove si trovasse il boss Wagner che non ha più contatti da sabato sera e mentre, secondo il Cremlino, deve andare in esilio in Bielorussia, cosa che l’interessato non ha confermato.

Un altro mistero: che destino dicono di avere i 25.000 uomini che Wagner dice di avere. Sono nei loro campi in Ucraina o nelle basi in Russia? E ha superato gli ordini del Ministero della Difesa russo o è ancora indipendente?
Sebbene Wagner sia tornato alla normalità lunedì, la straordinaria ondata di ribellione di Wagner tra venerdì sera e sabato sera ha scosso il paese.

Entro 24 ore, le forze del signor Prigozhin hanno catturato diversi avamposti militari nella città strategica di Rostov (sud-ovest) e hanno percorso 600 chilometri verso Mosca, incontrando poca resistenza.

A Rostov i suoi uomini furono accolti mentre lasciavano il comando militare per la guerra in Ucraina che erano riusciti a prendere.

READ  Sommet européen: la situazione attuale "va au-delà d'un simple conflit entre deux pays membres des Nations Unies"

Il sistema “crack” russo

Se il colpo di stato finisce bruscamente come è iniziato, questa crisi rappresenta la più grande sfida che Vladimir Putin ha dovuto affrontare da quando è salito al potere nel 1999.

Questa crisi, che è stata esaminata in tutti i cancelli, “rivela vere crepe” al più alto livello dello stato russo, ha affermato il segretario di Stato americano Antony Blinken.

“Il fatto che tu abbia qualcuno dentro che sta mettendo in dubbio l’autorità di Putin e chiedendo direttamente perché sta lanciando questa aggressione contro l’Ucraina, che di per sé è una cosa molto potente”. Egli ha detto.

Il capo della diplomazia dell’UE Josep Borrell ha detto lunedì che anche la ribellione di Wagner è stata interrotta, dimostra che la guerra in Ucraina sta “dilaniando” il potere russo, dicendo che è “più importante che mai sostenere l’Ucraina”.

Stava parlando in vista della riunione di lunedì dei ministri degli Esteri europei in Lussemburgo, che devono confermare un nuovo stanziamento di 3,5 miliardi di euro destinato a finanziare le loro forniture di armi all’Ucraina e le missioni militari straniere lì.

Il capo della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato lunedì che l’ammutinamento di Wagner ha dimostrato che l’attacco all’Ucraina è stato un “errore strategico”.

“Putin e lo stato hanno inferto un duro colpo che avrà importanti conseguenze per il regime”, ha detto. Lo conferma l’analista russo indipendente Tatiana Stanovaya.

Nel lanciare la sua ribellione, il capo Wagner aveva promesso di “liberare il popolo russo”, prendendo di mira due nemici giurati, Sergei Shoigu e il capo di stato maggiore Valery Gerasimov che accusa di aver sacrificato decine di migliaia di soldati in Ucraina.

READ  Secondo l'intelligence britannica, la guerra in Ucraina sta per entrare in una nuova fase

Se il signor Gerasimov non è stato visto in pubblico dopo la crisi, le foto del signor Shoigu in visita alle truppe in Ucraina rilasciate lunedì sembrano intese a garantire che prenda il comando.

Vediamo il ministro che ascolta con calma il rapporto del generale, studia mappe ed esamina le posizioni russe in elicottero.
È stato impossibile verificare in modo indipendente quando sono state scattate queste foto.

In Ucraina, molti analisti ritengono che la crisi in Russia potrebbe indebolire le forze russe sul campo e avvantaggiare quelle di Kiev, che da diverse settimane sta conducendo una dura controffensiva.

Lunedì, il viceministro della Difesa ucraino, Jana Malyar, ha annunciato progressi più modesti, con l’esercito ucraino che ha strappato 17 chilometri di terreno in più contro le forze di Mosca, o 130 chilometri quadrati, dall’inizio di giugno. Diceva che la città di Rivnopil sul fronte meridionale nella regione di Donetsk era stata catturata.