Luglio 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il trucco occhi waterproof fa male alla salute, secondo uno specialista

Il trucco occhi waterproof fa male alla salute, secondo uno specialista

Ami il mascara waterproof, perfetto per le giornate in piscina o in spiaggia? Giuri su un eyeliner waterproof che duri in tutte le condizioni? Fai attenzione, il parere di questo oculista potrebbe farti cambiare le tue abitudini.

È essenziale per ogni amante del trucco avere un buon mascara waterproof nell’armadio per le giornate in piscina o semplicemente per le giornate di pioggia in cui non vuoi finire come un panda. Ma questi prodotti impermeabili, che a volte sembrano impossibili da rimuovere, hanno sicuramente una stabilità garantita, ma presentano anche i loro inconvenienti, e anche dei rischi. In effetti, tutti abbiamo già avuto quel momento in cui dobbiamo strofinare per lunghi minuti con struccanti appositamente studiati per prodotti waterproof per ritrovare finalmente le nostre ciglia o palpebre nude. A parte la rimozione aggressiva del trucco a cui a volte è necessario ricorrere, che può causare la caduta delle ciglia, questi prodotti rappresentano un rischio maggiore, come spiegato dalla dottoressa Alexa Hecht, optometrista (specialista nella salute degli occhi).

Leggi anche: Ecco i cinque prodotti di bellezza preferiti dai belgi su Amazon

Il trucco waterproof non si dissolve nelle nostre lacrime. Può rimanere nei nostri occhi e intasare le ghiandole sebacee che producono l’olio nelle nostre lacrime.

Spiega l’esperta, che ha un account TikTok su cui realizza video di prevenzione e sensibilizzazione. Una condizione problematica che può portare a veri e propri problemi di salute. Nel suo video dedicato a questo argomento, la Dott.ssa Alexa Hecht mostra le foto di persone che hanno riscontrato questo problema utilizzando prodotti waterproof come ombretti, eyeliner o mascara. Il risultato è la comparsa di macchie sotto le palpebre. Lo specialista afferma che ciò è dovuto alla stagnazione dei prodotti ad Al Ain:

In scenari molto brutti, può rimanere incastrato sotto la palpebra, rimanere bloccato lì e causare irritazione e secchezza degli occhi.

Prodotti chimici preoccupanti

Un’altra questione sollevata dall’oftalmologo è la composizione impermeabile di questi prodotti, poiché la loro durata sarà garantita da ingredienti molto preoccupanti.

Ci sono molte sostanze chimiche nei cosmetici waterproof per farli durare più a lungo, inclusi prodotti chiamati “sostanze chimiche per sempre”.

Questi PFAS (“sostanze perfluoroalchiliche”) contengono “legami carbonio-fluoro, che sono tra i legami chimici più stabili”, secondo il sito web del governo francese. I fatti li ha confermati studio Università americana di Notre Dame nel 2021, che ha stabilito che l’82% dei mascara waterproof contengono fluoro, indicatore della presenza di PFAS. L’esposizione a lungo termine può essere molto pericolosa per la salute, come sottolinea nello studio il ricercatore Graham Beasley, professore di fisica all’Università di Notre Dame:

Si tratta di prodotti che vengono posizionati intorno agli occhi e alla bocca e possono essere assorbiti attraverso la pelle o attraverso il condotto lacrimale, oltre ad essere inalati o ingeriti. I PFAS sono una sostanza chimica persistente: quando entrano nel flusso sanguigno, rimangono lì e si accumulano.

E aggiunge: “Esiste anche un ulteriore rischio di inquinamento ambientale associato alla produzione e allo smaltimento di questi prodotti, che potrebbe colpire un numero maggiore di persone”. un report Secondo l’Autorità europea per la sicurezza alimentare del luglio 2020, i PFAS possono essere responsabili dell’aumento dei livelli di colesterolo nel sangue o addirittura dell’interruzione della funzionalità epatica. Uno di questi, il PFOA, è classificato dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro come Gruppo 2B, che significa “sostanze che possono essere cancerogene per l’uomo”.

READ  Villefranche de Rouge. Gli studenti delle scuole superiori entrano in contatto con gli operatori sanitari

Leggi anche: