Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il sito radar di allarme rapido strategico Voronezh DM è stato attaccato nella Russia sudoccidentale

Il sito radar di allarme rapido strategico Voronezh DM è stato attaccato nella Russia sudoccidentale

Si trova nel territorio di Krasnodar, vicino ad Amavir [soit à plus de 600 km de la ligne de front en Ukraine]La base Baronovsky comprende due radar ad alta frequenza [UHF] Voronezh DM, in grado di tracciare fino a 500 obiettivi a oltre 6.000 chilometri di distanza, fa parte di una rete di allarme rapido, che dovrebbe prevenire qualsiasi attacco con missili balistici contro la Russia.

Ma fonti russe hanno detto il 23 maggio menzionato Questo sito è stato appena preso di mira Munizioni controllate a distanza Ucraini. Poco dopo sono state diffuse sui social media le immagini che mostravano gli ingenti danni subiti da uno dei due radar. Inoltre, meno di ventiquattro anni dopo, fu aperto il Centro di comunicazioni satellitari di Alushta [Crimée] È stato raggiunto Utilizzando diversi missili balistici tattici MGM-140 ATACMS [Army TACtical Missile System] Fornito dagli Stati Uniti all’Ucraina.

Le autorità ucraine non hanno ancora rivendicato la responsabilità di nessuno di questi attacchi, cosa che non ha suscitato commenti da parte della controparte russa.

Voronezh DM è un radar oltre l’orizzonte [OTH – Over-the-horizon radar] Progettato per identificare bersagli a lunghissima distanza. Da qui la questione se le forze ucraine abbiano un interesse operativo a prendere di mira le forze di Amavir, sapendo che sono dirette verso il Mediterraneo e il Medio Oriente. In altre parole, qualcuno è riuscito a individuare i missili balistici lanciati verso la penisola di Crimea?

In ogni caso, questo attacco potrebbe avere implicazioni molto più ampie perché è uno degli elementi chiave del deterrente nucleare russo che è stato colpito.

READ  Mélenchon in Marocco: “Dobbiamo voltare pagina sull’arroganza”

Infatti, tra le “condizioni che determinano la possibilità di utilizzare armi nucleari”, Cerniera Nella dottrina rivista del Cremlino del 2020, ci sono “azioni contro siti governativi o militari che sono altamente critici nei confronti della Federazione Russa e la cui interruzione potrebbe” mettere a repentaglio la risposta delle forze nucleari.

Inoltre, l’attacco di Amavir è stato effettuato dopo che le forze russe avevano appena iniziato un’esercitazione di “armi nucleari non strategiche”, con una “prima fase”. […] Nella regione militare meridionale.

“Lo scopo delle esercitazioni è preservare il personale e le attrezzature delle unità di combattimento con armi nucleari non strategiche in preparazione alla risposta e con l’obiettivo di preservare incondizionatamente l’integrità territoriale e la sovranità della Russia in risposta alle dichiarazioni provocatorie e alle minacce della Russia”. Il Ministero della Difesa russo ha spiegato che alcuni funzionari occidentali sono contrari alla Federazione Russa.

Inoltre, un attacco ai radar DM di Voronezh potrebbe anche influenzare le discussioni per consentire alle forze ucraine di colpire il territorio russo con armi fornite dagli Stati Uniti.

Questa “linea rossa” fissata da Washington vacillò quando Antony Blinken, capo della diplomazia americana, suggerì un cambiamento nella dottrina durante un viaggio a Kiev. Ha aggiunto: “Non abbiamo incoraggiato né permesso attacchi fuori dall’Ucraina, ma alla fine spetta all’Ucraina decidere da sola come combatterà questa guerra, una guerra che sta conducendo per difendere la sua libertà, sovranità e integrità territoriale”. Il 15 maggio.

Ma il Dipartimento di Stato si è affrettato a correggere la situazione, confermando, il giorno successivo, che la posizione degli Stati Uniti su questo punto non era cambiata. “Non incoraggiamo né permettiamo attacchi sul territorio russo”, ha detto Vedant Patil, il suo portavoce, durante una conferenza stampa.

READ  Guerra in Ucraina: il presidente Zelensky si rammarica del comportamento "scorretto" di Macron

Il Regno Unito è l’unico paese che ha sciolto tutte le riserve al riguardo. All’inizio di maggio, il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha difeso il diritto di Kiev di colpire il territorio russo con le armi fornite da Londra. “Allo stesso modo in cui la Russia sta colpendo l’Ucraina, è del tutto comprensibile che l’Ucraina senta il bisogno di difendersi”, ha detto.

Quindi la diplomazia russa ha risposto dicendo: “La risposta agli attacchi ucraini con armi britanniche sul territorio russo potrebbe essere quella di colpire qualsiasi struttura e equipaggiamento militare britannico sul territorio dell’Ucraina e al di fuori di esso”.

Foto: Ministero della Difesa russo