Gennaio 18, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il sito di streaming illegale Popcorn Time si chiude

Il progetto open source Popcorn Time sta chiudendo i battenti.

Martedì 4 gennaio, la piattaforma di streaming pirata ha inviato un’e-mail a diversi giornalisti annunciando la sua chiusura.

calo di presenze

Sebbene le ragioni di questa decisione siano sconosciute, la scarsa partecipazione sembra essere una delle ragioni. In effetti, il numero di utenti è in costante calo da diversi anni. Come parte del loro addio, gli sviluppatori hanno rilasciato un file Disegno Indica il numero di ricerche di servizi negli ultimi sette anni. Il risultato è chiaro. Dopo un clamoroso successo nei mesi dal suo lancio nel 2014, l’app di hacking ha visto un forte calo del traffico dal 2016. Da allora, secondo TorrentFreakLa popolarità dell’app ha continuato a diminuire e non si è mai ripresa.

Oltre a queste statistiche, il dispositivo ha dovuto fare i conti anche con la giustizia lo scorso anno. Secondo quanto riferito, gli studi di Hollywood hanno intentato una causa contro singoli utenti, accusandoli di aver scaricato e condiviso illegalmente copie di film.

difendi il tempo popcorn

Per difendersi dalla giustizia e dall’industria cinematografica, l’app insiste sul servizio gratuito. Gli sviluppatori dell’app hanno affermato di non essere responsabili della pirateria perché il servizio non ospita alcun contenuto protetto da copyright e cerca sul Web solo collegamenti “torrent”.

In effetti, gli utenti si affidano a un sistema di condivisione peer-to-peer. Con questo sistema, gli utenti possono accedere solo ai contenuti ospitati sui computer di altre persone.

Possibile ritorno

Il servizio di live streaming pirata è stato lanciato nel 2014, fornendo accesso a contenuti video illegali. Subito dopo il rilascio dell’app Popcorn Time, i suoi sviluppatori hanno abbandonato l’app Popcorn Time. Ma il servizio è open source, Popcorn Time code Disponibile gratuitamente online. Quindi, anche se gli attuali sviluppatori decidono di chiudere l’app, altri probabilmente la riavvieranno presto.

READ  James Webb, un passo da gigante nella ricerca di altre "terre"