Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il giorno in cui Caroline Fontenoy rivelò la storia del suo bambino prematuro: «Non c’era più rumore nella stanza».

Il giorno in cui Caroline Fontenoy rivelò la storia del suo bambino prematuro: «Non c’era più rumore nella stanza».

Il presentatore di informazioni di RTL pubblica un libro intitolato “La paura nello stomaco”. Lì racconta le sue gravidanze pericolose, dà testimonianze nell’ombra e ha una voce troppo spaventata per essere ascoltata, secondo Caroline Fontenoy. È stata invitata all’informazione RTL alle 13:00 di questo mercoledì.

Caroline Fontenoy ha occupato mercoledì pomeriggio un posto insolito sul set di RTL Info. Alle ore 19 ha arbitrato l’ospite Olivier Schönjans. È venuta a presentare la sua autobiografia intitolata “La paura nello stomaco”.

In questa potente testimonianza racconta la nascita del suo primo figlio, Lou, che ora ha 4 anni. Quella che inizialmente era una lettera scritta alla figlia mentre era nel reparto prenatale, è diventata un libro che trasmette la realtà di un bambino prematuro. Racconta il percorso degli ostacoli che ha dovuto affrontare “Tsunami di emozioni” La madre si sentiva impotente di fronte a questo sviluppo inaspettato. Parla apertamente dei suoi sentimenti, soprattutto di fronte a questo corpo che non porta con sé lo stigma di questa prima gravidanza, poiché si è appena formato durante il parto. “Mi sento come se la mia gravidanza mi fosse stata rubata.”Sottolinea. “Da un giorno all’altro il bambino viene portato via ed è come se questa gravidanza non fosse mai esistita”.

L’importanza di parlarne

“La prematurità non è solo un bambino nato troppo presto.” dice Caroline Fontenoy, che ha dato alla luce Lou dopo 30 settimane. Secondo lei, si conoscono poche informazioni su questo fenomeno e sulle sue conseguenze “Non avere paura” Alle future mamme. “Mi stupisce che non si sottolinei l’importanza di portare avanti la gravidanza fino alla fine (…) Nelle ultime settimane accadono molte cose”.Ad esempio: stress, stanchezza, stanchezza… “Non vogliamo allarmare le madri, altrimenti le donne non avranno figli”. iniziò il giornalista. “Ma se non ne parliamo mai, non saremo in grado di adattarci”.

Lei lo sa, e la sua storia probabilmente avrà risonanza con molte donne, che hanno sperimentato la prematurità o che non hanno sperimentato affatto la prematurità. Sul set di RTL Info alle 13, Caroline Fontenoy ricorda il momento esatto in cui parlò del fenomeno. “Stavo garantendo per l’organizzazione benefica Fetus for Life per raccogliere fondi.”Dice. Davanti a 500 persone e in una sala rumorosa si pronunciano le prime parole. “Non c’è più alcun rumore nella stanza.”ricorda. “Ho usato le parole giuste, ho parlato dal mio istinto e ha funzionato.”

READ  Le prime foto della duchessa sono escluse dal balcone della regina
-->

Ricordiamo che la prematurità colpisce il 7% delle gravidanze e un parto su 12.