Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il blocco delle notizie su Facebook sta causando preoccupazione per Health Canada

Il blocco delle notizie su Facebook sta causando preoccupazione per Health Canada

Il blocco delle notizie su Facebook e Instagram da parte di Meta è motivo di preoccupazione per Health Canada, poiché le informazioni sulle emergenze sanitarie di interesse pubblico potrebbero perdere visibilità se non vengono condivise su queste piattaforme.

“Sfortunatamente, un meta-atteggiamento nei confronti dei media canadesi ha il potenziale per danneggiare la trasmissione di vari messaggi di salute pubblica e la risposta a potenziali emergenze sanitarie”, sostiene Guillaume Bertrand, addetto stampa del ministro federale della sanità Marc Holland.

Sebbene i servizi federali e le altre istituzioni regionali e comunali potranno pubblicare le proprie comunicazioni, i media di ogni tipo hanno consentito la diffusione, l’analisi e la critica delle informazioni critiche, svolgendo un ruolo di primo piano durante la pandemia di COVID-19, in particolare.

Come attualmente definito, il blocco delle notizie impedisce la circolazione di notizie prodotte da organizzazioni mediatiche piccole e grandi riconosciute dal News Act. Non saranno inclusi nell’ambito di applicazione della legge, blogger amatoriali, YouTuber e podcaster potranno continuare a pubblicare i loro contenuti su Facebook senza problemi.

“In questo momento stiamo scoprendo molta disinformazione senza il contrappeso di un lavoro giornalistico serio e affidabile”, continua l’Addetto del Ministro.

Da parte sua, il ministro del Patrimonio, Pascale St-Onge, ha definito la questione “irresponsabile” in una mail inviata dal suo addetto.

Esempio australiano

Meta ha fatto arrabbiare il governo australiano e il pubblico quando ha temporaneamente vietato la notizia nel febbraio 2021. L’Australia aveva appena approvato una legge simile che ha ispirato il governo Trudeau.

Tuttavia, la multinazionale ha commesso un grave errore vietando non solo i media locali, ma anche una serie di importanti organizzazioni per la salute e la sicurezza, compresi i vigili del fuoco – nel pieno della stagione degli incendi – e i servizi sanitari – nel bel mezzo della pandemia di COVID-19 O rifugi per donne maltrattate.

READ  Data center sulla luna, ma perché?

L’errore resta una possibilità per le multinazionali in Canada: il sito satirico canadese The Beaverton, che diffonde fake news dal sapore umoristico, è stato rimosso dalle sue piattaforme.

Una protesta ha costretto Meta a fare marcia indietro dopo una decina di giorni, e la legge australiana sui premi ai media ha fatto il suo corso, con forti ripercussioni per il settore.

Le alternative ci sono

Meta, che ha rifiutato di fornire commenti per questo articolo, sembra aver migliorato la sua strategia, questa volta concentrandosi esclusivamente sui media. Almeno così suggeriscono i “test” iniziati a giugno.

Le principali organizzazioni del Quebec hanno già cambiato strategia. Il tenente Benoît Richard di Sûreté du Québec (SQ) afferma che informazioni importanti, come gli avvisi di sparizione, possono continuare a essere condivise direttamente da SQ, che ha 210.000 abbonati su Facebook.

“Per le organizzazioni di polizia, più persone vedono le sparizioni, meglio è. Ma a livello della nostra organizzazione, possiamo ancora pubblicizzare le sparizioni di minori”, ha detto in un’intervista.

Da parte sua, una portavoce della città di Montreal ha confermato che la città “cambia i suoi canali di comunicazione a seconda della situazione”.

“Nel contesto di un’emergenza, la città non si limita a determinati mezzi di comunicazione e può optare per alternative o strumenti aggiuntivi, al fine di superare i limiti causati da restrizioni o cambiamenti nelle politiche delle piattaforme che utilizza”, afferma Sarah -Eve Tremblay, addetta alle pubbliche relazioni della città.

Stessa storia all’Hydro-Quebec, che assicura che il lavoro dei giornalisti è “importante” per “divulgare questioni”, ma il modo migliore per raggiungere il pubblico è affrontarlo direttamente.

READ  Gli astronomi scoprono una stella che è stata fatta a pezzi da un gigantesco buco nero

“Quando siamo in crisi, i nostri mezzi di comunicazione sono le nostre piattaforme di social networking”, ha affermato Caroline de Rosier, portavoce dell’azienda statale.Negli ultimi mesi, abbiamo sempre più respinto tutte le informazioni su tutti i modi di fare le cose, come come storie su Instagram o Facebook.